Sit-in di protesta alla Sirti, operai minacciano blocco della statale 16

Davanti ai cancelli della fabbrica la manifestazione dei dipendenti delle sedi di Bari, Matera, Foggia e Taranto per protestare contro la cassa integrazione decisa dall'azienda

Protestano dalle prime ore di questa mattina  gli operai della Sirti di Bari. Davanti ai cancelli della ditta della zona industriale, che si occupa di installazioni telefoniche con sedi in tutta Italia, si sono radunati circa duecento dipendenti, provenienti anche dalle sedi di Foggia, Taranto e Matera.

Gli operai manifestano contro la decisione dell'azienda di far scattare la cassa integrazione a zero ore per circa 1000 persone, ribadita anche qualche giorno fa al tavolo convocato presso il Ministero del Lavoro, annullando un precedente accordo già concordato con i sindacati. Il sit-in di protesta barese segue a ruota quelli già organizzati nei giorni scorsi in altre sedi, come Palermo e Roma. I sindacati annunciano altre iniziative di lotta, per ripristinare un vero tavolo di confronto che produca un accordo condiviso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli operai minacciano anche di bloccare la statale 16 all'altezza dell'uscita 6.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commando assalta tir pieno di prodotti alimentari e sequestra autista: caccia ai malviventi

  • "Ero a fare le pelose" sul lungomare: scatta multa da 3mila euro. A Bari oltre 300 persone in quarantena

  • Lutto nel mondo dello spettacolo: è morta Matilde Lomaglio, volto barese della tv negli anni '80

  • Stroncato dal coronavirus a 44 anni: l'addio di amici e colleghi per Luca Tarquinio Coletta, 'gigante buono' della Multiservizi

  • "I non residenti lascino casa per i controlli", nei condomini di Bari numerosi manifesti truffa: indaga la Polizia

  • Come proteggersi dal contagio del ''Coronavirus'': le mascherine, i disinfettanti e le abitudini igieniche

Torna su
BariToday è in caricamento