"Udienze con caldo e zanzare": fioccano i disagi nelle 'tende' del Tribunale di via Nazariantz

Seconda giornata di lavoro nelle tensostrutture allestite fuori dal Palazzo di Giustizia inagibile. In mattinata sopralluogo del Genio Militare per installare la pavimentazione nelle zone esterne

"Oggi ho dovuto tenere udienza in una tenda con 40 gradi e tra le zanzare, rinviando ad una fantomatica data del 12 novembre in Corte di Assise": è quanto ha affermato il giudice Rossella Calia Di Pinto, segretario dell'Anm di Bari riferendosi alle strutture provvisorie che da ieri sostituiscono, in parte, i locali del Tribunale penale di via Nazariantz, dichiarato inagibile la scorsa settimana. Le tensostrutture stanno accogliendo le udienze di rinvio dei processi penali di primo grado.

Verifiche del Genio Militare: in arrivo la pavimentazione esterna

In mattinata è stato effettuato anche un sopralluogo da parte del Genio Militare per installare una pavimentazione in grado di evitare disagi in caso di maltempo, previsto nei prossimi giorni. L'area dove sono state collocate le tende, infatti, non è asfaltata. Intanto, ieri, il procuratore capo Giuseppe Volte ha emesso un nuovo provedimento per organizzare il lavoro di magistrati, cancellieri, polizia giudiziaria e personale dipendnete del palazzo di via Nazariantz.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Riecco Checco Zalone: ecco il manifesto di 'Tolo Tolo, il film al Cinema dal 1 gennaio 2020

  • Isabella, la Monica Bellucci di Molfetta che ha rubato il cuore all'ex tronista Francesco Monte: "E' speciale perché è normale"

  • Operazione antimafia nel Barese: 54 arresti e due anni di indagini, così è stato disarticolato il clan D'Abramo-Sforza

  • Trovato morto nelle acque di Palese: per i familiari Roberto è stato ucciso, per la Procura incidente o malore

Torna su
BariToday è in caricamento