Zona Porto, incuria e degrado all’ingresso della città

Ferorelli: "Situazione peggiorata dopo il Summer Village. Grandaliano si dimetta"

La situazione dell’igiene urbana della città è al limite. Le segnalazioni dai quartieri crescono giorno dopo giorno e il quadro che ne emerge è quasi sempre identico a sè stesso: inciviltà e incuria si fondono in una spirale vorticosa dove non si comprende se ci potrà essere mai una fine.

Torniamo all’attualità. Questa volta ci troviamo davanti all’ingresso del Porto di Bari. Sulla strada che conduce verso largo Santa Chiara è un rifiorire di erbacce e rifiuti. In molti casi si tratta di grovigli d’erba che dal ciglio della strada sono penetrati all’interno del marciapiede fino a realizzare un vero e proprio cespuglio. Nei pressi dei bidoni della spazzatura sono accatastati rifiuti di ogni genere. La potatura degli alberi è solo un ricordo, tanto che alcuni rami si sono curvati impedendo ad una qualsiasi persona più alta di un metro e ottanta di percorrere la strada sul marciapiede.

“Siamo disgustati da questo andazzo – spiega un commerciante della zona -. Non so cosa pensare, non esiste la manutenzione e allora mi chiedo cosa le pago a fare le tasse se nessuno è in grado di rendere decente la strada in cui lavoro”.

Nei cespugli “on the road” si trova di tutto: “E’ diventato pericoloso anche solo camminare – riferisce Chiara L, 28 anni residente -. Preferisco fare il giro dall’interno della Città vecchia piuttosto che rischiare di incontrare sul tragitto siringhe e ferraglie”.

Lungo il litorale ci sono le aree di sosta per le automobili. In certe zone i passeggeri sono costretti ad uscire dallo sportello che si affaccia sulla strada perché impediti dalla presenza dei cespugli cresciuti sul marciapiede. “Da quando è subentrato il nuovo presidente dell’Amiu, Gianfranco Grandaliano, la situazione dell’igiene urbana dell’intero rione è peggiorata in modo drastico ed è per questo che io ne ho più volte chiesto le dimissioni”, commenta il presidente della circoscrizione San Nicola-Murat Mario Ferorelli.

“Possiamo dire che vicino al Porto la situazione è precipitata da quando l’amministrazione comunale ha scelto di insediare in quella zona il Summer Village”, continua Ferorelli. “Qualche mese fa si decise di espropriare la zona del parcheggio attiguo al Porto per consentire l’allestimento del villaggio estivo; come circoscrizione demmo il nostro benestare a patto che in quella stessa zona fosse attivato, una volta terminata la kermesse, un servizio di park and ride”.

“Ad oggi – conclude Ferorelli – non abbiamo visto nulla nonostante le ampie rassicurazioni offerte dall’assessore Gianluca Paparesta e dal delegato alla mobilità Antonio Decaro. Ora siamo davvero stufi e presto convocheremo un consiglio ad hoc per affrontare il problema dell’igiene nel nostro rione”.

 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Superbonus al 110%, ristrutturare casa a costo zero: chi può richiedere la detrazione e quali lavori effettuare

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Sette grandi personalità per far ripartire la Puglia: è il gruppo strategico nominato da Michele Emiliano

Torna su
BariToday è in caricamento