Posti di lavoro a rischio per le guardie giurate all'Acquedotto, la denuncia della Uiltucs: "Security sostituita con servizi di portierato"

Il sindacato lancia l'allarme e annuncia un esposto al prefetto. Nel mirino un bando dell'azienda per i servizi di sicurezza

Posti di lavoro a rischio per le guardie giurate in servizio all'Acquedotto pugliese. A lanciare l'allarme è il sindacato Uiltucs - Settore commercio e servizi, che in una nota denuncia lo stato di agitazione dei lavoratori. "L’azienda - è detto nella nota - ha avviato un nuovo bando di gara per i servizi di security, attualmente effettuati da guardie giurate, regolamenti autorizzati dal Prefetto, sostituendoli dai servizi di portierato e reception, espletati da personale di servizi fiduciari e, come tale, sprovvisti dei titoli prefettizi.  Tale gara è dettata dalla volontà di ridurre i costi di gestione dei servizi del 40% e, quindi, mettendo in ginocchio tutto l’indotto della vigilanza armata. Un pericolo immane".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le attività di security - spiega Marco dell’Anna, segretario regionale della Uiltucs - sono deputate alla tutela del patrimonio, svolta in fasce orarie diurne e notturne, prevede espressamente, ex Dm 269/10 (Decreto Maroni), l’utilizzo delle guardie giurate, in alcun modo, dunque, surrogabili da personale privi di regolare autorizzazione prefettizia. L’utilizzo di personale dei servizi fiduciari, dunque, presso gli accessi di immobili, è consentito solo per regolare il traffico e l’afflusso dei utenti, giammai per servizi di vigilanza a tutela del patrimonio. Non solo. L’acquedotto Pugliese, ha messo in gara i servizi per il sito di Modugno, tra l’altro, unica area regionale in cui è presente il Centro Elaborazione Dati. Si tratta, quindi, di un sito sensibile dal punto di vista della sicurezza. Nei prossimi giorni invieremo un dettagliato esposto al Prefetto di Bari, Antonia Bellomo, per denunciare l’illegittima procedura di gara. Si tratta, infine, di un atto irregolare che mette in serio pericolo la sicurezza degli utenti e i posti di lavoro - conclude - Spesso nelle gare di appalto, soprattutto quelle di global service, i servizi richiesti, pur essendo inequivocabilmente di sicurezza, vengono affidati come servizi di portierato. Ed ecco, quindi, l’esigenza di fare chiarezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus, viola la quarantena ed esce per fare la spesa: barese beccato dai carabinieri

  • Come proteggersi dal contagio del ''Coronavirus'': le mascherine, i disinfettanti e le abitudini igieniche

  • Tragedia a Bari: scende per ritirare la frutta, cade a terra e muore. "La versione dell'infarto non convince i figli"

  • Party di compleanno per i 18 anni nonostante i divieti coronavirus: in casa arriva la Polizia, scattano multe salatissime

  • "Non abbiamo più spazio nei cimiteri, dovete rispettare le regole", lo sfogo di Decaro nella diretta social: "Così non ne usciamo più"

  • Primo decesso per Coronavirus a Modugno, il dolore del sindaco Magrone: "Una sconfitta di tutti"

Torna su
BariToday è in caricamento