Si aprono le porte del "Treno verde". I "Campioni dell'economia circolare" si raccontano agli studenti

Questa mattina è stato inaugurato il progetto di Legambiente che quest'anno fa tappa a Bari. All'interno dei vagoni le esperienze delle aziende pugliesi innovative legate al riciclo, in una mostra aperta anche al pubblico

Raccontare i "Campioni dell'economia circolare", le aziende pugliesi specializzate nel dare nuova vita agli oggetti ormai inutilizzabili, all'interno di un treno. È questa la filosofia dell'edizione 2017 del Treno verde, il progetto educativo di Legambiente che quest'anno fa tappa per due giorni - 6 e 7 marzo - sul binario 1 ovest della stazione di Bari.

L'iniziativa è stata inaugurata questa mattina intorno alle 11 con il taglio del nastro da parte  del presidente di Legambiente Puglia Francesco Tarantini e dell'assessore comunale all'Ambiente Pietro Petruzzelli. Presenti anche il commissario dell'Agenzia della Regione Puglia Servizio gestione dei rifiuti Gianfranco Grandaliano e il consigliere regionale Filippo Caracciolo.

I CAMPIONI DELL'ECONOMIA CIRCOLARE- Sono sei le aziende pugliesi che quest'anno sono presenti con una presentazione della loro mission "Verde" sul treno. Tra queste ci sono aziende come Sfregola materie plastiche di Barletta - che produce la "Radiobag", una busta per la spazzatura con chip che permette ai Comuni di tracciare il percorso dei rifiuti -, la Corvasce - che crea arredamenti per uffici e fiere in cartone riciclato - o la Coregom, azienda coratina che ripristina pneumatici fuori uso o ne ricicla i materiali.

Non mancano poi progetti innovativi creati da studenti, come Ecofesta, che organizza una raccolta differenziata durante sagre o eventi culturali e alla chiusura dell'evento pianta anche alberi per ridurre le emissioni di CO2. In mattinata sono stati premiate aziende e consorzi - come il Cic, il consorzio italiano compostaggio - che si sono distinte nel mondo dell'economia circolare.