Ex consigliera pugliese lascia il M5S: "Foto falsa sui social. Stop cattiverie"

Viviana Guarini lascia il Movimento con un duro post su facebook, a seguito delle polemiche per un fotomontaggio che la ritrae con il braccialetto della campagna 'Bari per bene'

"Dovete spammarvelo nelle chat, perché la vostra vita è diventata questa: la paranoia, la cattiveria e “se non la pensi più come me” allora fai schifo": a scriverlo è l'ex consigliera regionale Viviana Guarini che, in un lungo post su facebook, ha deciso di abbandonare il Movimento Cinque Stelle, pubblicando anche una foto ritoccata, a quanto pare da alcuni attivisti del M5S, in cui Guarini indossa un braccialetto della campagna 'Bari per bene' lanciata dal sindaco Decaro. La falsa foto, i commenti e le battute, hanno provocato la reazione dell'ex consigliera pugliese: "Dovete insinuare - scrive sul social network - che stia inseguendo strategie per candidarmi a Roma, o peggio candidarmi con qualche altro partito. Voi dovete fare i fotomontaggi insinuanti con le foto, perché se ho il braccialetto di Bari per Bene significa che sono passata al Pd". Guarini, sostituita dopo alcuni mesi in Consiglio regionale da Antonio Trevisi, a seguito di un ricorso al Tar, attacca il Movimento: "Non è bastato fare la portavoce lavorando 20 ore su 24 rimettendoci la salute".

Quindi prosegue annunciando l'addio al M5S: "A voi - dice - non basta neanche sapere che una persona sta pensando alla sua vita per cercare di riprendersela da un periodo molto buio", spiegando come "prima che mandiate anche questo post come segnalazione a qualche vostro 'big romano' che poi mi scrive in privato per dirmi che “è meglio che io vada a correre piuttosto che scrivere su fb” mi cancello da sola da quel blog. Le mie stelle stanno ancora sul braccio. Ma siete riusciti a farle diventare polvere, polvere di stelle. Voi mi dite che sono una delusione. Sapesse quanto lo siete stata voi per me".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Cade in moto sul lungomare: muore 54enne

  • Sport

    Foggia-Bari, derby allo 'Zaccheria' 21 anni dopo: galletti col tridente Galano-Floro-Cissè

  • Cronaca

    Sorpresi con una pistola rubata nell'auto: quattro baresi arrestati nel Materano

  • Cultura

    Otto giorni nel segno del cinema, parte il Bif&st 2018: al Petruzzelli l'incontro con Piefrancesco Favino

I più letti della settimana

  • Blitz della Dda contro il clan Capriati, 18 in manette: i nomi degli arrestati

  • Droga, armi ed estorsioni: blitz della polizia, 18 arresti nel clan Capriati

  • Vigili fermano Smart per un controllo: scoperto "sequestro" di un bimbo di 3 anni, due arrestati

  • Intasca tremila euro da un imprenditore: arrestato dirigente del Policlinico

  • Podista colpito da infarto durante Vivicittà, scattano i soccorsi. Gli organizzatori: "Possedeva un certificato medico agonistico"

  • Dalle estorsioni alle attività nel porto, così il clan Capriati si era riorganizzato: "Puntava a infiltrarsi nel tessuto economico della città"

Torna su
BariToday è in caricamento