Pericolo in mare: attenti alla corrente di risacca!

Imparare a riconoscere una corrente di risacca è molto importante per salvaguardare la propria vita e quella dei più piccoli: tutto quello che c'è da sapere

Il mare, il sole, il vento....i bambini che giocano in acqua: tutto sembra andare per il verso giusto, eppure a volte l'imprevisto è dietro (è il caso di dire) l'onda. Hai mai sentito parlare della corrente di risacca? Oggi parliamo di una corrente marina molto pericolosa, chiamata anche corrente di reflusso o di ritorno. In questo articolo spieghiamo come riconoscerla e perchè è importante prestare attenzione al mare soprattutto quando abbiamo dei bambini.

Molti la definiscono uno dei più grandi pericoli del mare. Siamo in spiaggia, i lidi sono affollati, sullo sfondo gli schiamazzi dei bimbi che giocano allegri in acqua ma ad un tratto qualcosa non va, molti a fatica cercano di raggiungere la riva e cercano disperatamente di nuotare contro una forte corrente che contrariamente li spinge via sempre più lontano: è la corrente di risacca. E’ importante imparare ad osservare il mare perché saper riconoscere una corrente di risacca potrebbe salvare la vita.

Cos’è la corrente di risacca?

La corrente di risacca detta anche di riflusso o di ritorno, è un tipo di corrente marina molto pericolosa. Il moto ondoso del mare produce un intenso flusso d’acqua che si forma davanti alla spiaggia. L’accumulo d’acqua lungo la costa provoca un aumento di pressione, che deve essere compensato da un flusso di ritorno che si dirige dalla riva verso il largo ad elevata velocità, trascinando con sé tutto ciò che incontra.

E come si può riconoscere?

Se guardando le onde del mare si nota un tratto di onde “piatte” vuol dire che proprio li c’è una corrente di risacca. In quel tratto l’acqua si muove in direzione opposta, quindi, chi si trova in quell’area viene letteralmente risucchiato verso il mare.

Un consiglio che molto spesso danno i bagnini è quello di imparare ad osservare il mare e stare lontani dall’acqua, soprattutto con i bambini, nel caso in cui vi accorgiate di qualche anomalia tra le onde.

Dove si forma?

Si forma in un canale vicino alla riva, tra due banchi di sabbia e dove l’acqua è più profonda. Come dicevamo è importante osservare il mare e le onde. Se le onde hanno la cresta bianca allora significa che il fondale in loro corrispondenza è alto. Le zone senza cresta bianca sono invece in genere quelle da evitare perché si trovano in corrispondenza di un fondale ancora più alto di quello appena descritto. Qui si potrebbero formare con molta probabilità le correnti di ritorno.

Come agire se ci troviamo nella corrente di risacca?

Nel caso in cui si imbattessimo in una corrente di risacca, una buona soluzione per cercare di uscirne è quella di  nuotare parallelamente alla costa, non agitarsi per non  sprecare tutte le energie cercando di raggiungere direttamente la riva.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

  • Un nuovo McDonald's a Bari: al via le selezioni online per il personale, 80 posti disponibili

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

  • Processo estorsioni clan Parisi, confermate 30 condanne in Appello: ridotta pena per Savinuccio

Torna su
BariToday è in caricamento