Pericolo in mare: attenti alla corrente di risacca!

Imparare a riconoscere una corrente di risacca è molto importante per salvaguardare la propria vita e quella dei più piccoli: tutto quello che c'è da sapere

Il mare, il sole, il vento....i bambini che giocano in acqua: tutto sembra andare per il verso giusto, eppure a volte l'imprevisto è dietro (è il caso di dire) l'onda. Hai mai sentito parlare della corrente di risacca? Oggi parliamo di una corrente marina molto pericolosa, chiamata anche corrente di reflusso o di ritorno. In questo articolo spieghiamo come riconoscerla e perchè è importante prestare attenzione al mare soprattutto quando abbiamo dei bambini.

Molti la definiscono uno dei più grandi pericoli del mare. Siamo in spiaggia, i lidi sono affollati, sullo sfondo gli schiamazzi dei bimbi che giocano allegri in acqua ma ad un tratto qualcosa non va, molti a fatica cercano di raggiungere la riva e cercano disperatamente di nuotare contro una forte corrente che contrariamente li spinge via sempre più lontano: è la corrente di risacca. E’ importante imparare ad osservare il mare perché saper riconoscere una corrente di risacca potrebbe salvare la vita.

Cos’è la corrente di risacca?

La corrente di risacca detta anche di riflusso o di ritorno, è un tipo di corrente marina molto pericolosa. Il moto ondoso del mare produce un intenso flusso d’acqua che si forma davanti alla spiaggia. L’accumulo d’acqua lungo la costa provoca un aumento di pressione, che deve essere compensato da un flusso di ritorno che si dirige dalla riva verso il largo ad elevata velocità, trascinando con sé tutto ciò che incontra.

E come si può riconoscere?

Se guardando le onde del mare si nota un tratto di onde “piatte” vuol dire che proprio li c’è una corrente di risacca. In quel tratto l’acqua si muove in direzione opposta, quindi, chi si trova in quell’area viene letteralmente risucchiato verso il mare.

Un consiglio che molto spesso danno i bagnini è quello di imparare ad osservare il mare e stare lontani dall’acqua, soprattutto con i bambini, nel caso in cui vi accorgiate di qualche anomalia tra le onde.

Dove si forma?

Si forma in un canale vicino alla riva, tra due banchi di sabbia e dove l’acqua è più profonda. Come dicevamo è importante osservare il mare e le onde. Se le onde hanno la cresta bianca allora significa che il fondale in loro corrispondenza è alto. Le zone senza cresta bianca sono invece in genere quelle da evitare perché si trovano in corrispondenza di un fondale ancora più alto di quello appena descritto. Qui si potrebbero formare con molta probabilità le correnti di ritorno.

Come agire se ci troviamo nella corrente di risacca?

Nel caso in cui si imbattessimo in una corrente di risacca, una buona soluzione per cercare di uscirne è quella di  nuotare parallelamente alla costa, non agitarsi per non  sprecare tutte le energie cercando di raggiungere direttamente la riva.

Potrebbe interessarti

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

  • La Tiella di Patate Riso e Cozze

  • Bocca in fiamme per il peperoncino? I rimedi per togliere il bruciore

I più letti della settimana

  • Annega in mare a Metaponto, muore mamma 26enne residente nel Barese. Salva la figlia di 6 anni

  • Auto si ribalta all'altezza di una rotatoria, 32enne barese muore in provincia di Milano

  • "Le urla, poi quel bimbo adagiato sugli scogli: in quel momento abbiamo pensato solo a ciò che potevamo fare"

  • Scomparso da due giorni a Modugno: 52enne ritrovato senza vita

  • Tentato omicidio Gesuito in zona Cecilia, arrestato il boss Andrea Montani: "Agì per vendicare morte del figlio"

  • Ragazzo di 17 anni trovato morto in casa a Monopoli, decesso per cause naturali. Indaga la Polizia

Torna su
BariToday è in caricamento