Scandalo scommesse, si indaga su Bari-Livorno

La Procura di Bari ha chiesto alla magistratura di Cremona copia degli atti che due giorni fa hanno portato all'arresto di 18 persone. L'inchiesta in corso a Bari riguarda la partita Coppa Italia Bari-Livorno del 2010

La Procura di Bari ha chiesto alla magistratura di Cremona copia degli atti che due giorni fa hanno portato agli arresti per lo scandalo relativo alle 18 partite di calcio truccate. La richiesta riguarda l'indagine, in corso da quattro mesi nel capoluogo pugliese, sulla partita di Coppa Italia Bari-Livorno del primo dicembre 2010, vinta dai padroni di casa per 4 a 1. L'inchiesta barese è stata avviata per l'esposto presentato dal bookmaker Skysport365 alla procura della Repubblica di Treviso, lo scorso 11 gennaio, per una serie di puntate, ingenti e definite anomale, in relazione alla partita Bari-Livorno. L'esposto è stato poi trasmesso per competenza alla procura di Bari. Le scommesse, fatte a partire da circa un'ora e mezzo prima dell'incontro, avevano - si seppe all'epoca - come comune denominatore la larga vittoria del Bari, già a partire dal primo tempo. In particolare, in alcune agenzie toscane sarebbero stati giocati "quasi due milioni" prima che scattassero i "normali sistemi di protezione applicati da tutti i concessionari: abbassamento delle quote, gara sospetta aperta solo alle multiple".

(Fonte: ANSA)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Il dolore per Ivan, morto in uno schianto in moto a 17 anni: "Ora sei un angelo, ti ricorderemo sempre"

  • Giovane mamma morta dissanguata dopo l'urto contro una vetrata: chiesto processo per il compagno

  • Schianto con la moto alla zona industriale: muore ragazzo di 17 anni, ferito l'amico

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

Torna su
BariToday è in caricamento