Cornacchini: "Col Roccella concentrazione alta. Vorrei chiudere il girone d'andata a +11"

Il tecnico dei biancorossi è intervenuto alla vigilia dell'ultima sfida del girone d'andata, il match casalingo contro il Roccella Jonica

Giovanni Cornacchini

Domani pomeriggio il Bari affronterà l'ultima sfida del girone d'andata del campionato di Serie D ospitando al San Nicola i calabresi del Roccella Jonica. La squadra di Cornacchini è già campione d'inverno con 42 punti in classifica e 11 lunghezze di vantaggio sulla Turris, formazione che occupa il secondo posto. L'obiettivo per i biancorossi è chiudere al meglio prima del giro di boa e per farlo c'è da battere anche la compagine che occupa il 14° posto in classifica con 20 punti.

Tenere alta la tensione

A introdurre la sfida di domani, come di consueto, è stato proprio il tecnico intervenuto nella consueta conferenza stampa pre-partita. "Non mi fido di nessuna squadra - ha esordito Cornacchini - devo tenere alta la tensione perché queste sono le partite più pericolose. Il pericolo di non vincere c'è, per questo è stata una settimana impegnativa. Il Roccella ha trovato calciatori validi in questa sessione di mercato, c'è anche qualche ex barese. Avranno motivazione". L'obiettivo è mantenere il distacco invariato sulla Turris: "Mi auguro di chiudere girone di andata ancora a +11, ma non escludo difficoltà. Dovremo approcciare bene a questa gara e finire bene l'anno prima di tirare un po' il fiato".

Nessun richiamo di preparazione durante la sosta

Proprio sul periodo di sosta che attende le compagini di Serie D a gennaio si sono concentrate alcune dichiarazioni del mister: "La pausa è necessaria sia a livello fisico sia mentale. Non ci sarà un richiamo di preparazione, continueremo a lavorare in maniera costante. Credo avremo una settimana libera, poi abbiamo subito una partita. Il richiamo invernale è una soluzione adottatata quando si lavora poco nel corso della stagione e la nostra squadra dal punto di vista fisico ha fatto tanto".

Il bilancio di metà stagione

Con il girone d'andata di fatto concluso, "Sono contento di come sono andate le cose fin qui. Ho a disposizione una squadra forte e di qualità. Bisogna essere forti mentalmente. Si vince con il lavoro, è questa la mia convinzione. Se non avessimo fatto questo campionato ci sarebbero state polemiche. Rispetto ai record eguagliati, sarò strano io, ma mi interessa essere ricordato di più perché abbiamo vinto il campionato convincendo".

Mistero sulla formazione

Rispetto agli undici che scenderanno in campo domani pomeriggio Cornacchini non si è sbottonato: "Devo decidere alcune cose... Iadaresta dall'inizio? Non credo è arrivato da poco, davanti poi ho l'imbarazzo della scelta. Questa settimana Neglia e Brienza si sono allenati un po' meno ma per domani sono a disposizione come tutti". Una battuta anche sull'ultimo arrivato Ridl: "È un 2000, lavorerà come gli altri, forse troverà spazio anche lui. A volte le mie scelte possono sembrare sbagliate ma quando le faccio sono convinto. Non faccio le cose a caso, sono sempre mosse ragionate. A volte è necessario rischiare".
 


 

Potrebbe interessarti

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

  • La Tiella di Patate Riso e Cozze

  • Bocca in fiamme per il peperoncino? I rimedi per togliere il bruciore

I più letti della settimana

  • Annega in mare a Metaponto, muore mamma 26enne residente nel Barese. Salva la figlia di 6 anni

  • "Le urla, poi quel bimbo adagiato sugli scogli: in quel momento abbiamo pensato solo a ciò che potevamo fare"

  • Auto si ribalta all'altezza di una rotatoria, 32enne barese muore in provincia di Milano

  • Scomparso da due giorni a Modugno: 52enne ritrovato senza vita

  • Tentato omicidio Gesuito in zona Cecilia, arrestato il boss Andrea Montani: "Agì per vendicare morte del figlio"

  • Weekend del 24 e 25 agosto: tutti gli eventi a Bari e provincia

Torna su
BariToday è in caricamento