Spugne e formazioni coralline anche a Molfetta. La barriera di Monopoli? "Area limitata e a profondità elevate"

Gli appassionati del Nucleo Sub della cittadina a Nord di Bari hanno reso noti alcuni scatti colorati e spettacolari dei fondali. Sembra ridursi, invece, l'eco della scoperta di Monopoli dove proseguiranno approfondimenti e studi

Foto Nucleo Sub Molfetta

Non solo Monopoli ma anche Molfetta ha una sua specie di 'barriera corallina' con spugne e altri esseri viventi da scrutare e preservare. La notizia della 'scoperta' di un'area sottomarina simile a quelle coralligene nella zona del SudBarese ha in qualche modo 'sorpreso' i sub attivi nel tratto di mare nord del capoluogo dove da almeno un anno era stata individuata una formazione di alghe calcaree tra colori rossi e gialli, simili a quelli riscontrabili a latitudini caraibiche. Già da tempo, infatti, avevano notato delle particolari e coloratissime formazioni sottomarine che avevano destato l'attenzione nel corso delle perlustrazioni.

Analizzandole attraverso immersioni, è emerso che si trattava di 'falsi coralli', cresciuti in un ambiente ideale, a temperature mediamente basse e con poca luce. Le splendide immagini della 'barriera', di cui non si conoscono le dimensioni complete, sono state pubblicate sulla pagina Facebook del Nucleo Sub Molfetta: uno spettacolo da conservare e proteggere. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

'Ridimensionata' la scoperta della 'barriera' di Monopoli

Sulla questione di Monopoli, invece, sembra 'ridimensionarsi' proprio la scoperta effettuata a Monopoli: è proprio il professor Giuseppe Corriero, del Dipartimento di Biologia dell'Università di Bari, coordinatore del team di ricerca che ha effettuato lo studio. Nel corso di un'intervista a Trm tv, Carriero ha spiegato che il contesto della scoperta riguarda un tratto molto limitato, seppur inaspettatamente ricco di forme di vita: un punto dell fondale dove si sarebbero accumulate 200 specie viventi. Lo studio è ancora a livello preliminare e saranno necessari ulteriori approfondimenti per inquadrare la scoperta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Superbonus al 110%, ristrutturare casa a costo zero: chi può richiedere la detrazione e quali lavori effettuare

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Le Frecce Tricolori arrivano a Bari. Sorvolo in mattinata, la Prefettura: "Evitate gli assembramenti"

Torna su
BariToday è in caricamento