Maestre d'asilo condannate per maltrattamenti, un papà: "Solo denunciando si potrà mettere fine a questi episodi"

Il commento di uno dei genitori che, sostenuti dall'associazione 'La via dei Colori', si sono costituiti nel processo in cui erano imputate le due insegnanti della scuola materna di Santo Spirito

Asilo - Foto dal web

"È incredibile ma nonostante tutto non riesco a provare soddisfazione, forse perché in cuor mio vorrei che tutto questo non fosse mai successo". Così uno dei genitori commenta la sentenza che ha condannato a tre anni e 4 mesi di reclusione due maestre di un asilo di Santo Spirito, riconosciute colpevoli di maltrattamenti sui bambini. "Ringrazio La Via dei Colori - prosegue il papà - e gli avvocati Canobbio e Greco per il sostegno tecnico e morale senza cui forse ci saremmo fermati. Genitori, non fatelo! Denunciate, anche se vi sentirete soli, fregatevene di chi si opporrà. Solo così riusciremo a mettere la parola fine a questi episodi infami".

Le due donne sono state anche interdette dai pubblici uffici per cinque anni, condannate al pagamento delle spese processuali e al risarcimento del danno (da liquidare in altra sede) a coloro che si erano costituiti parte civile. In favore di alcuni, è stato anche disposto il pagamento di una somma a titolo provvisionale.

"Trattandosi di un rito abbreviato, è una sentenza di una certa importanza – commenta l’avvocato Giulio Canobbio, legale di alcune famiglie e direttore del comitato scientifico dell'associazione 'La Via dei Colori' - È stata superata la soglia dei tre anni, dunque una pena adeguata alle violenze subite dai bambini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma dall'associazione mettono in luce anche un altro aspetto, legato alla necessità, da parte delle famiglie, di denunciare tali episodi senza paura. "In effetti la circostanza che solo poche famiglie, a fronte dei molti bimbi presenti nei video, si siano poi effettivamente costituite al processo partecipando anche solo come parti offese - dichiara Ilaria Maggi, presidente della onlus - ci induce a riflettere su quanti possano essere i casi di maltrattamento in struttura che non riescono a venire alla luce in tutta Italia". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

  • Le Frecce Tricolori arrivano a Bari. Sorvolo in mattinata, la Prefettura: "Evitate gli assembramenti"

Torna su
BariToday è in caricamento