Da Carbonara a Picone, le fototrappole incastrano gli sporcaccioni: 55 multe in dieci giorni

Sanzioni da 100 a 600 euro per cittadini, ma anche per imprese sorprese a smaltire illecitamente i rifiuti, per le quali è scattata anche la denuncia penale

Da strada San Giorgio Martire alle campagne di Santa Rita, nei pressi dello stadio San Nicola, dalla zona del complesso 'Faraone' a via Vaccarella, alle spalle del mercato di Carbonara. Le fototrappole installate dal Comune continuano ad incastrare gli sporcaccioni che abbandonano i rifiuti. Non soltanto cittadini, ma anche imprese, sorprese a smaltire illecitamente gli scarti anziché conferirli in discariche autorizzate.

Raffica di multe e denunce per le imprese

Negli ultimi dieci giorni - rende noto all'assessore all'Ambiente Petruzzelli - sono state 55 le sanzioni elevate, di importi da 100 a 600 euro, mentre per le imprese è scattata anche la denuncia penale. Le multe hanno riguardato anche la zona del mercato di Carbonara, dove proprio pochi giorni fa, gli ambulanti avevano segnalato per l'ennesima volta l'abbandono selvaggio di rifiuti ingombranti. "Naturalmente non ci fermiamo qui - afferma Petruzzelli - ma continueremo ad utilizzare le fototrappole spostandole in diversi punti della città, anche in base alle vostre segnalazioni, perché sanzionare chi non rispetta le regole è doveroso verso chi si comporta bene e le regole le rispetta". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ladri in casa nel cuore della notte (con i proprietari dentro): è allarme furti nel Barese

  • Giovane mamma morta dissanguata dopo l'urto contro una vetrata: chiesto processo per il compagno

  • Apre il nuovo 'sottopasso giallo' di Bari Centrale: più largo, con ascensori e aperto anche alle bici

  • Il pollo fritto del Kfc arriva a Bari: lavori in corso per il nuovo ristorante della Stazione Centrale

  • Via gli pneumatici, le auto parcheggiate finiscono 'sospese' sui sassi: ladri in azione a Bari

  • Stipendi in ritardo e negozio a rischio chiusura, lavoratori di Centro Convenienza in protesta: futuro incerto per 15 dipendenti

Torna su
BariToday è in caricamento