Anziana uccisa per errore a Bitonto, "abitanti del borgo antico coprivano tracce dopo le sparatorie"

Dalle motivazioni della sentenza di condanna per i nove presunti responsabili dell'omicidio di Anna Rosa Tarantino, emerge un "clima di terrore" e di "intimidazione e omertà diffusa" tra i residenti

Un "clima di terrore" e di "intimidazione e omertà diffusa tra la popolazione", con gli abitanti del borgo antico di Bitonto abituati a "nascondere le tracce delle sparatorie subito dopo la loro consumazione coprendo i buchi lasciati dalle pallottole sulle facciate delle loro abitazioni", utilizzando un nastro adesivo dello stesso colore delle abitazioni. E' lo spaccato che emerge dalle motivazioni della sentenza con la quale sono stati condannati ad aprile scorso nove presunti responsabili dei quattro agguati che la mattina del 30 dicembre 2017, a Bitonto, culminarono nell’omicidio dell'innocente Anna Rosa Tarantino, anziana uccisa per errore durante un conflitto a fuoco tra gruppi rivali nel borgo antico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i condannati c'è anche il boss Domenico Conte. Nelle motivazioni il gup Francesco Agnino ripercorre l'escalation di violenze di quella tragica mattinata, fino al colpo mortale che ferì Anna Rosa Tarantino, facendo anche riferimento al clima in cui vivevano i residenti del borgo antico e anche "alla totale mancanza della benché minima collaborazione da parte di qualsivoglia testimone" nonostante l'uccisione di un'innocente.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri nel Barese: smantellata banda, undici arresti

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Giovane assalita da gruppetto di ragazze per le strade dell'Umbertino: "Erano quindici contro una"

  • Spari nel bar affollato dopo la lite in strada, preso 32enne: era anche ricercato per traffico di droga

  • Fiumi di droga nel Barese, il capo gestiva il sistema dal carcere: acquirenti 'attesi' nella palazzina in centro a Mola

Torna su
BariToday è in caricamento