Appalto pulizie negli uffici regionali, raggiunto un primo accordo: bloccati tagli alle ore di lavoro

L'intesa siglata ieri al termine di una lunga trattativa: tutti i dipendenti precedentemente impegnati nell'appalto saranno assunti, e il monte orario resterà invariato fino a febbraio, quando Regione, sindacati e azienda torneranno ad incontrarsi

L'intesa, dopo una trattativa durata ore, è stata raggiunta in serata. Regione, azienda e sindacati (presenti al tavolo Uil, Ugl, Uiltucs, Fisascatcisl, Filcams Cgil) hanno siglato un primo accordo relativo all'appalto per le pulizie negli uffici regionali. L'intesa 'salva', almeno temporaneamente, il monte orario dei lavoratori, che nei giorni scorsi avevano protestato proprio perchè allarmati dai tagli alle ore lavorative previsti dal nuovo contratto.

Secondo l'accordo raggiunto ieri, "l’azienda si impegna ad assumere, ai sensi dell’art. 4 lett. B del CCNL Multiservizi,  tutti i dipendenti precedentemente impegnati nell’appalto con il monte orario applicato e rilevato pari a 2.063 ore limitatamente al primo mese e fino al 19 febbraio (data del prossimo incontro)". "Tuttavia - si legge ancora nel verbale - stanti le criticità emerse in sede di cambio d’appalto ed avuto conto della possibile necessità di operare dei tagli al monte ore precedentemente applicato, durante il primo mese e fino al 19 febbraio su parte dello stesso, pari a 436 ore settimanali, verrà applicato il meccanismo della “banca ore”  per tutte le sedi oggetto dell’appalto. Il tavolo si riaggiorna alla data del 19 febbraio p.v., per verificare congiuntamente le condizioni emerse nel periodo precedentemente indicato e comunicare le eventuali nuove misure ad adottarsi, ivi compreso l’eventuale impegno a garantire l’applicazione dell’art. 18 vigente ante job act".

L'accordo, dunque, resterà valido fino al prossimo incontro fissato per il 19 febbraio, quando le parti torneranno a discutere le condizioni del contratto. "Finalmente siamo riusciti a sottoscrivere un accordo che riesce anche se temporaneamente a mantenere intatto il parametro orario della lavoratrice o lavoratore avente diritto - commenta Barbara Neglia, segretaria della Filcams Cgil Bari - Il nostro compito ora sarà quello di monitorare la situazione per garantire la sottoscrizione definitiva dell'appalto".
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Inseguimento in mare, maxi sequestro di marijuana: bloccati due scafisti

    • Incidenti stradali

      Schianto nella notte, auto contro muro: due ragazze in gravi condizioni

    • Sport

      Cittadella-Bari, le pagelle dei galletti: bene Parigini, difesa assonnata

    • Cronaca

      San Valentino a Bari Vecchia: largo Albicocca sarà la 'piazza degli innamorati'

    I più letti della settimana

    • Robintour chiude agenzie di Bari e Foggia: "Lavoratori a rischio licenziamento"

    • L'Uniba apre le porte alle aspiranti matricole: incontri e corsi per l'orientamento

    • Inglese: nel 2016 gli italiani lo hanno studiato soprattutto per lavoro, ma è in aumento il numero di chi lo fa per cultura personale

      Torna su
      BariToday è in caricamento