"Il caso Braibanti", lo spettacolo della compagnia Diaghilev al Teatro van Westerhout di Mola di Bari

«Un fatto ignobile, uno dei tanti petali di questo fiore malato chiamato Italia». Così Carmelo Bene apostrofò il processo per plagio all’intellettuale Aldo Braibanti, conclusosi cinquant’anni fa con una clamorosa condanna per la “diversità” sessuale dell’imputato. Un caso dimenticato della nostra storia più recente che la Compagnia Diaghilev, a cinquant’anni dal ’68, ha fatto diventare «Il caso Braibanti», spettacolo in scena al Teatro van Westerhout di Mola di Bari, da mercoledì 5 a venerdì 7 dicembre alle ore 21 e sabato 8 dicembre alle ore 19, dopo le felici e recenti rappresentazioni al Teatro Franco Parenti di Milano e al Teatro Torlonia per la Stagione del Teatro di Roma.

Delicato esempio di teatro civile realizzato con poesia e tenerezza, senza retorica e senza alcun intento didascalico, la pièce di Massimiliano Palmese, interpretata da Fabio Bussotti e Mauro Conte per la regia di Giuseppe Marini (Mauro Verrone esegue dal vivo musiche di sua composizione), racconta la storia dell’artista-filosofo processato con l’accusa morale di omosessualità in uno dei casi giudiziari più seguiti e dibattuti nell’Italia di fine anni Sessanta. Un processo finito con una condanna di nove anni di reclusione basata su un’improbabile imposizione delle proprie idee e personalità sul ventunenne Giovanni Sanfratello.

La denuncia contro il piacentino Braibanti, ex-partigiano torturato dai nazifascisti, venne depositata nell’ottobre del 1964 alla Procura della Repubblica di Roma «per aver assoggettato fisicamente e psichicamente» Sanfratello. In realtà il ragazzo, in fuga da una famiglia tradizionalista e bigotta, aveva deciso di seguire le sue inclinazioni ed era andato a vivere a Roma con Braibanti. Non riuscendo a separare la coppia, il padre di Giovanni denunciò l’artista-filosofo con l’accusa di plagio.

Il processo a Braibanti, scomparso poco più di quattro anni fa, si aprì il 12 giugno 1968, mentre infiammava la contestazione e i giovani di tutto il mondo chiedevano a gran voce più ampie libertà. In molti denunciarono lo scandalo di un processo montato ad arte dalla destra più reazionaria del Paese in combutta con esponenti del clero e della «psichiatria di regime». Dalle colonne dei giornali in favore di Braibanti intervennero Pier Paolo Pasolini, Elsa Morante, Alberto Moravia, Umberto Eco, Marco Pannella, Cesare Musatti, Dacia Maraini e, per l’appunto, Carmelo Bene. Ma i loro appelli caddero nel vuoto.

«Il processo Braibanti - dice Palmese - fu una vicenda medioevale. Nel ’68, mentre il mondo si trasformava in un luogo meno repressivo, in Italia bastò una “cricca” di avvocati, di psichiatri e di preti, per trasformare una storia d’amore in un “Romeo e Giulietta” omosessuale, in cui i padri per punire i figli non esitano a denunciarli per “plagio” o a sottoporli a coma insulinici ed elettrochoc. E, se ancora oggi nel nostro Paese le stesse cricche politiche, reazionarie e ipocritamente bigotte, si oppongono a una seria legge contro l’omofobia o alle unioni civili per i gay, vuol dire che “Il caso Braibanti” non è una pagina del passato ma storia presente che può e deve, ancora, farci indignare».

Il testo dello scrittore e drammaturgo napoletano (finalista al Premio Strega 2006 con «L’amante proibita») è basato sugli atti del processo e su articoli di giornale. «Non ho voluto inventare perché mi sembrava si dovesse trovare solo il giusto tono, un equilibrio tra satira di costume e dramma psicologico, per tenere insieme le parole degli avvocati, così violente, insieme alle loro tesi, così ridicole», racconta Palmese, rimasto “divertito” dalla lettura degli interrogatori e delle arringhe e agghiacciato dalle dichiarazioni omofobiche dei cosiddetti «periti» e dalle cartelle firmate dagli «specialisti in malattie nervose» delle cliniche dove fu rinchiuso il giovane Giovanni Sanfratello.

Info e prenotazioni 333.1260425 - 347.1788446. Biglietti online e circuito vivaticket.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Estate di teatro, letture e concerti a Gioia del Colle

    • dal 4 August al 3 September 2020
    • varie
  • Pinuccio (Alessio Giannone) nel suo Tuttappost in Piazza Colamussi a Rutigliano

    • 4 September 2020
    • Piazza colamussi
  • Sebastiano Somma a Rutigliano in Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway

    • 13 August 2020
    • piazza Colamussi

I più visti

  • L'estate di Polignano a Mare è ricca: 21 eventi tra musica, mostre e spettacoli

    • dal 12 July al 27 September 2020
  • L'inferno dantesco nelle Grotte di Castellana: ad agosto torna lo spettacolo 'Hell in the Cave'

    • dal 1 al 29 August 2020
    • Grotte di Castellana
  • ''Summer lights 2020''», colori e giochi di luce sulla magica Alberobello

    • dal 14 July al 30 September 2020
    • Centro Storico, tutti i trulli della zona Monti, il Trullo Sovrano e il Belvedere
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 October 2019 al 23 October 2020
    • n.0 GALLERY
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BariToday è in caricamento