I riti della Settimana Santa a Valenzano: processioni, concerti, mostre fotografiche e rappresentazioni

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
    Valenzano
  • Quando
    Dal 12/04/2019 al 19/04/2019
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni
©Gianfranco Di Lorenzo

I Riti della Settimana Santa a Valenzano (Ba) sono tra i più antichi, suggestivi e partecipati della nostra regione. La Processione dei Misteri del Venerdì Santo, infatti, è testimoniata sin dal 1675 all’epoca dell’Arcivescovo di Bari mons. Granafei.

Essa nacque per iniziativa dei Frati Francescani con la partecipazione del Capitolo di San Rocco. Non sappiamo quanti Misteri fossero presenti all’inizio, ma possiamo presumere che vi erano almeno i tre fondamentali: il Crocifisso, il Cristo Morto, l’Addolorata, accompagnati da giovinetti vestiti da angeli. Nel secolo successivo la Processione di Penitenza si consolidò e già dal 1853 l’Arciprete ne curava l’organizzazione, avvalendosi di un sacerdote capitolare e di tre deputati, essa si svolgeva al mattino e comprendeva tutti i Misteri della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo. In questo periodo, infatti, compaiono i primi Misteri di committenza privata, fatti costruire per devozione o per grazia ricevuta presso le più importanti botteghe leccesi di arte sacra di cartapesta. A partire dal 1888, inoltre, la Processione si arricchì della partecipazione della Confraternita dell’Addolorata, appena fondata. Il numero dei Misteri, che nel 1947 toccava le ventisei unità, oggi sfiora i cinquanta e, tranne l’Addolorata ed il Cristo Morto, di proprietà ecclesiastica, essi appartengono a pie famiglie che ne curano direttamente la custodia, l’addobbo e i portatori, mantenendo viva ed in piena espansione una tradizione di oltre trecento anni.

I Riti fanno parte del progetto “Settimana Santa in Puglia”, che si occupa della valorizzazione e della divulgazione degli eventi più seguiti e particolari e di facile impatto turistico. I Misteri, realizzati dai più importanti Maestri della cartapesta leccese e barese tra i quali Sacquegna, Errico, Bruno, Gallucci, Merico, Bovelacci e Martella, rappresentano elevati tributi all'arte sacra, alcuni dei quali datati tra la fine del Settecento e la metà dell'Ottocento.

L'organizzazione degli eventi è affidata al Comitato Feste Patronali San Rocco, presieduto dal presidente Davide Abbinante, che con attenta e scrupolosa meticolosità coordina gli eventi della Settimana Santa valenzanese.

I riti processionali della Passione, a Valenzano, iniziano il Venerdì precedente la Settimana Santa: i valenzanesi chiamano questa giornata "la dì du delore de Marì", ossia il giorno del dolore di Maria, comunemente noto come processione della Desolata.

La processione simboleggia la ricerca che Maria compì per ritrovare il figlio perduto, quando Gesù era ancora a predicare tra i suoi discepoli. Questo evento è intriso di pietà popolare, legate alle tradizioni locali, più che una rivisitazione corretta dei veri eventi che accaddero a Gerusalemme nel 33 d.C.
La statua dell'Addolorata, sistemata sul baldacchino adiacente l'altare maggiore della Chiesa Matrice, esce in processione di sera, seguendo un percorso cittadino leggermente diverso da quello del Venerdì Santo.
Sono particolari e rustici i giochi di luce dei ceri, sistemati lungo le vie toccate dalla processione. La notte, più intima e densa di raccoglimento e preghiera, sembra avere il culmine con il nero manto della Madonna, sotto il quale la processione si snoda. Mistica è la processione stessa, con i fedeli che accompagnano la Madonna con fiaccole e candele.

La Domenica delle Palme, in serata, l’Associazione “The Glorious Heads”, ha organizzato, coinvolgendo numerosi giovani della Parrocchia, la raffigurazione della Passione Vivente che interesserà alcune vie e piazze del Centro Storico.

Mercoledì 17 Aprile, Mercoledì Santo, per l’undicesima edizione del concerto “NOTE DI PASSIONE”, si esibirà, nella Chiesa del Padreterno, una ensemble di fiati con organo e voci, con brani totalmente rielaborati per l’occasione dal maestro Valenzanese Antonio Di Benedetto che, per l’occasione, presenterà al pubblico la sua nuova composizione dedicata alla Vergine Addolorata.

Vi saranno ben due esposizioni fotografiche sui Riti della Settimana Santa: la prima, dal titolo “La dì du Venerdì a Sande” e curata dall’artista locale Giuseppe Roppo, presso la cappella della Madonna del Carmine, la seconda, in Piazza Vecchia, a cura del fotografo massafrese Angelo Spagnulo.

Il Giovedì Santo, invece, come tra l'altro avviene anche in molte altre città, al termine della Santa Messa in Coena Domini si fa visita ai vari Altari della Reposizione, tradizionalmente chiamati "Sepolcri", accompagnati dalle nenie funebri della Bassa Musica di Carbonara; nell’atrio del Castello Baronale invece, la Banda di Sannicandro, diretta dal Maestro Francesco Loiacono, terrà un concerto di Marce Funebri a piè fermo.

Ma il momento in cui il pathos e la devozione raggiungono il culmine è certamente quello del Venerdì Santo.

La partecipazione ai Riti è massiccia. Tra portatori, ragazze al pizzo che scortano lateralmente il gruppo statuario, figuranti e bambini vestiti da Gesù, da madonne e da angeli, complessi bandistici e devoti, si possono contare oltre mille persone.

Particolarmente emozionante è l'incontro tra l'Addolorata e il Calvario prima della Processione, il cui inizio avviene alle ore 10:30 dopo il consueto raduno dei Misteri su Corso Aldo Moro; subito dopo, al suono della troccola, si snoda il corteo penitenziale per le vie di Valenzano.

Le struggenti note delle più celebri marce funebri accompagnano tutto il percorso processionale, che copre buona parte della città che, come ogni anno, ospiterà migliaia di devoti e semplici turisti.

Dalle ore 10.45 alle ore 13 la Processione sarà trasmessa in diretta su Delta Tv, canale 78, e su Mediterranea Tv Web.

Intensi momenti di preghiera si alternano alla genuina pietà popolare, particolarmente devota alla Passione e Morte di Gesù.

Verso le ore 16:30, la Processione termina nello stesso luogo della partenza. Il Parroco della Chiesa Matrice, infine, tiene la consueta predica dal balcone adiacente la canonica, al termine della quale chiama l'Addolorata per porgerle tra le braccia il Crocifisso, rappresentante la ricerca ormai conclusa da parte della Madre che ritrova il Figlio morto.

Segue l'azione liturgica in Passione Domini con l'Adorazione della Croce in Chiesa.

In serata, invece, a partire dalle ore 21:30, si snoda l'ultima processione di Gesù Morto e dell'Addolorata, quale rappresentazione del corteo funebre che accompagnò Cristo al Sepolcro, in attesa della Risurrezione.

Questo pellegrinaggi o penitenziale attraverserà, nel silenzio più assoluto, le vie del Centro Storico illuminate solo da suggestivi ceri.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Religione, potrebbe interessarti

I più visti

  • 'Nel blu dipinto di luci', con le luminarie ispirate a Pino Pascali e Domenico Modugno Polignano si trasforma in un meraviglioso villaggio Natalizio

    • dal 30 novembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • centro storico e vie principali
  • 'Notre Dame de Paris' in scena al Palaflorio di Bari

    • dal 11 al 15 dicembre 2019
    • Palaflorio
  • "Monopoli christmas home", un villaggio incantato a cielo aperto

    • Gratis
    • dal 7 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • varie
  • Riecco a Bari 'Il Villaggio di San Nicola', il più grande al mondo nello scenario natalizio della Fiera del Levante

    • dal 7 al 20 dicembre 2019
    • Fiera del Levante
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BariToday è in caricamento