Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da bene confiscato alla mafia a bistrot per formare ragazzi in condizioni di disagio sociale: inaugurata Villa Artemisia

La struttura a Santo Spirito negli anni '90 era il quartier generale del clan Lanzarotto. Rinasce a nuova vita grazie a un progetto della cooperativa C.A.P.S

 

Da bene confiscato alla mafia a d attività commerciale capace di offrire un’opportunità professionale a ragazzi in condizioni di disagio. Ha voluto esserci persino il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese all’inaugurazione di Villa Artemisia, struttura a Santo Spirito dotata di piscina e porticato esterno, negli anni 90 quartier generale del clan Lanzarotto. Bene confiscato che a tre anni dalla presentazione del progetto lanciato dalla cooperativa C.A.P.S, si trasforma in uno spazio multifunzionale: al suo interno sono ora aperti un bistrot sociale e un bed and breakfast, in cui saranno impiegati alcuni ragazzi in condizione di disagio sociale. Il video dell'inaugurazione della struttura.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento