Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Imprenditore picchiato e rapinato, blitz della Polizia a Monopoli: tre arresti

L'episodio risale allo scorso ottobre: in manette Cosimo Giangrande - detto "Mino Papogna" - Cosimo Grassi e Bletim Lusha

 

Aggredito con pugni e calci, dopo essere stato obbligato ad uscire dall'auto vicino alla sua abitazione a Monopoli. Hanno un nome i presunti responsabili - a vario titolo - della rapina compiuta ai danni dell'imprenditore ittico Luigi Fiume, avvenuta lo scorso 17 ottobre. Questa mattina gli agenti di Polizia hanno arrestato l'impenditore ittico 40enne Cosimo Giangrande - detto “Mino Papogna” - il 52enne Cosimo Grassi e il 32enne albanese Bletim Lusha.

Secondo quanto emerso dalle indagini ad aggredire Fiume - portando via una busta contenente 10mila euro in contanti - mentre si trovava a bordo della sua Fiat Fiorino sarebbero stati Grassi e Lusha, che avrebbero poi utilizzato per la fuga una Peugeot 207 guidata da Giangrande. Sul luogo sono state anche trovate parti di una pistola replica, utilizzata durante la rapina, riproduzione di quella utilizzata dalle Forze dell'ordine.

Dalle indagini della polizia è anche emerso che Giangrande, pochi giorni dopo il fatto, aveva utilizzato del denaro contante per saldare alcuni debiti che aveva contratto in precedenza. L'imprenditore ittico 40enne e Grassi sono stati portati nel carcere di Bari, mentre l'albanese è agli arresti domiciliari, a disposizione del giudice.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento