Al Teatro Comunale di Ruvo di Puglia in scena lo spettacolo sulla violenza di genere "Rita"

Sarà la violenza di genere il tema al centro del quinto e ultimo appuntamento  di ATTRAVERSAMENTI (Evoluzioni a teatro), la rassegna teatrale e culturale dedicata ai diritti civili ideata dall’Assessorato comunale alla Cultura e Pubblica Istruzione e realizzata in collaborazione con il Teatro Comunale di Ruvo di Puglia/ Associazione Tra il dire e il fare.
Venerdì 31 marzo, alle ore 20.30, al Teatro Comunale di Ruvo di Puglia, in via Estramurale Pertini, Kuziba Teatro, con il sostegno dell’Associazione Tra il Dire e il Fare, della Compagnia La Luna Nel Letto e di Spazio PolArtis, presenta lo spettacolo:
“Rita” 
Di e con
Raffaella Giancipoli
assistente alla regia Bruno Soriato
disegno luci Tea Primiterra
consulenza linguistica Tommaso Scarimbolo e Katia Scarimbolo
 
Spettacolo finalista al premio nazionale PREMIO SCENARIO 2007;
Spettacolo consigliato per la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne.
 
Per informazioni: 080/3603114, info@teatrocomunaleruvo.it - www.teatrocomulareruvo.it
BIGLIETTERIA: Teatro Comunale Ruvo (mer/gio dalle 18:00 alle 20:00 ), Tabaccheria Lobosco (Piazza Bovio, 41). Online su: www.bookingshow.it

 
Lo spettacolo: “Rita” è la storia di una ragazzina come tante che subisce la violenza del padre, ma decide di affrontare il suo destino e cambiarlo, abbandonando quella casa teatro di violenza e segreti. “Rita” è uno spettacolo sulla violenza domestica, ma anche sul coraggio di rompere la catena di silenzi, rassegnazione e violenza. Ma è soprattutto la prova evidente del potere salvifico della testimonianza. La scelta di affrontare il tema - delicato e facilmente retorico - della violenza domestica, ha permesso di trovare la chiave del racconto nella musicalità e nell’asprezza della lingua originaria delle genti delle Murge pugliesi. Lo spettacolo vive di un continuo scambio tra dialetto ruvese e italiano, al quale si aggiunge il potere evocativo del linguaggio corporeo. Ne risulta uno spettacolo dalle tinte poetiche e grottesche che mira dritto al petto di chi guarda.
 
Raffaella Giancipoli inizia la sua formazione a Ruvo, nel paese d'origine, dove nel 2000 frequenta un laboratorio teatrale condotto da Michelangelo Campanale, con l'associazione Tra il Dire e il Fare. Nel 2001 si trasferisce a Bologna, dove si iscrive al Corso di Laurea Dams e frequenta un laboratorio condotto da Angela Malfitano. Nel 2002 entra a far parte del gruppo di allievi del corso annuale "Siate voi passanti" organizzato da ERT e condotto da Stefano Vercelli e Sonja Abaunza Galvis con cui produce lo spettacolo sensoriale “La chiave dorata”. Nel 2003 partecipa a un laboratorio condotto da Cèsar Brie in Abruzzo e partecipa alla produzione dello spettacolo “Il cielo degli altri” . Nel 2005 partecipa all'allestimento di “Zio Vanja” per la regia di Isadora Angelini e Cèsar Brie. Nel 2006 torna a Ruvo, dove lavora con Tra il Dire e il Fare e la compagnia La Luna nel Letto. Oggi è impegnata in uno spettacolo d'attore e burattini: “Pinocchio a Sud” per la regia di Michelangelo Campanale.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • 'I solisti', all'Abeliano di Bari la rassegna di performance e studio con attori pugliesi

    • dal 24 settembre al 12 dicembre 2020
    • Taetro Abeliano
  • “E LA NAVE VA”: teatro per ragazzi, rassegne di musica e letteratura, radio, cinema, laboratori e progetti nelle periferie

    • dal 1 al 30 ottobre 2020
    • varie

I più visti

  • ''Summer lights 2020''», colori e giochi di luce sulla magica Alberobello

    • dal 14 luglio al 30 settembre 2020
    • Centro Storico, tutti i trulli della zona Monti, il Trullo Sovrano e il Belvedere
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2019 al 23 ottobre 2020
    • n.0 GALLERY
  • 'Life in color - la mostra d'arte della Contraccademia'

    • Gratis
    • dal 6 giugno al 30 settembre 2020
    • Chiesa di Santa Teresa dei Maschi, Bari Vecchia
  • Mostra virtuale 'Hommage à Sburracchioni'

    • Gratis
    • dal 25 aprile al 31 dicembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BariToday è in caricamento