Elezioni Santeramo 2012

Michele D'Ambrosio: "La mia passione e le mie energie al servizio della nostra amata Santeramo"

Il candidato democratico del centrosinistra santermano, ieri durante una manifestazione pubblica ha chiesto ai suoi concittadini fiducia e senso di responsabilità

"Una Piazza piena che partecipava attenta ed entusiasta" è quanto fanno sapere i democratici da Corso Roma. Ieri sera, in Piazza Garibaldi Michele D'Ambrosio e i "suoi" hanno chiesto la fiducia ai cittadini santermani. Domenico Conversa, uno dei candidati della coalizione di Sinistra, Ecologia e Libertà ha aperto la manifestazione parlando proprio di Michele D'Ambrosio: "una persona integra, degna di rispetto, propositiva; la persona giusta che ha saputo costruire una coalizione di larga intesa e che certamente sarà il giusto Sindaco per Santeramo".

Sì, hanno chiesto fiducia, consapevoli della diffidenza diffusa tra i cittadini nei confronti dei partiti. "Crediamo nei Partiti, nella loro funzione-ha dichiarato caldamente il professore- la nostra coalizione è costituita da Partiti che non scompaiono, da partiti che non sono un semplice logo tirato fuori per la campagna elettorale; i nostri Partiti rimangono e annoverano una storia alle proprie spalle. Non è la prima volta; Michele D'Ambrosio già durante il primo comizio di apertura per la corsa a Palazzo di Città, parlava della sua coalizione come portatrice di "storia, cultura e tradizione politica". Ha rassicurato gli spettatori che non si tratta solo di promesse ma di un "documento che nei prossimi cinque anni rappresenterà la strada da seguire e da realizzare". In pratica: sensibilizzare il cittadino prima di tutto alla raccolta differenziata e all'amore per il proprio territorio; la rivisitazione dei criteri di pagamento della Tarsu. "Preoccupiamoci di quei cittadini che vivono da soli- dice- magari in appartamenti grandi che oggi sono costretti a pagare in base alla superficie; noi crediamo sia più giusta una tassazione  in rapporto alla capacità di produzione di spazzatura". E ancora: sensibilizzare alla rivalutazione della  città con ambienti storici da riqualificare e da rivalutare; introdurre il Piano del Colore; riorganizzare l'Ufficio Tecnico con l'impiego di ingegneri a disposizione di tecnici e imprese; snellire l'iter burocratico dando impulso al SUAP.

Fiducia e senso di responsabilità di ogni cittadino nei confronti della propria comunità è ciò che auspica il candidato. "Un amore che deve rinascere in ognuno di noi-spiega e spera- soprattutto quando pensiamo ad un ambiente deturpato a soltanto  1 km da Santeramo, con sostanze tossiche sversate da delinquenti nei nostri territori. Fino ad oggi non è stato fatto nulla: 240mila euro avuti dalla Regione per fare la caratterizzazione, ma invano". D'Ambrosio chiede un piccolo contributo ad ogni concittadino per la buona riuscita di un grande progetto e dalla sua, assicura: "metterò la mia passione e le mie energie al servizio della nostra amata Santeramo"
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Michele D'Ambrosio: "La mia passione e le mie energie al servizio della nostra amata Santeramo"

BariToday è in caricamento