Martedì, 3 Agosto 2021
Comunali Bari 2014

Municipio II, Simone (M5S): "Un 'nido' per quartiere. Etica al servizio dei cittadini"

Trentacinque anni, educatrice e musicista: la candidata-portavoce del Movimento Cinque Stelle punta su trasparenza e sociale: "Vigileremo sulle spese per soddisfare le esigenze degli abitanti"

Trentacinque anni, educatrice e musicista. Alessandra Simone è la candidata-portavoce del M5S alla presidenza del Municipio II (Carrassi, San Pasquale, Mungivacca, Poggiofranco e Picone) per le Amministrative del prossimo 25 maggio.

Lei è nel Movimento dal 2009 e per la prima volta si candida a rappresentare i cittadini del neonato Municipio, portando avanti i valori e la visione politica dei Cinquestelle.

"Precedentemente non avevo avuto esperienze in questo campo, ma la voglia di riprendermi quello che la politica mi ha rubato, il desiderio di riscatto, mi ha fatto prendere la decisione di impegnarmi. Noi del Movimento siamo cittadini onesti e puliti e mettiamo in campo le nostre competenze. Il nostro programma è stato sottoscritto con i cittadini e noi candidati-portavoce  abbiamo firmato un impegno etico a rispettarlo, portando avanti il mandato".

Cinque quartieri molto diversi tra loro, con problematiche specifiche, con, sullo sfondo, la questione Rossani. Come intende agire per il rilancio del Municipio?

"Innanzitutto sulla pulizia. Al di là della maleducazione di alcuni cittadini, ci sono molte zone dove manca totalmente. Un altro grande problema è la raccolta differenziata. Siamo per quella porta a porta, dove bisogna conferire in maniera corretta. Sul fronte del sociale vorremmo più asili nido nel Municipio, uno per quartiere, in modo da aiutare le mamme in difficoltà. La Caserma Rossani, infine, diventi un luogo della città, con biblioteche e spazi per associazioni, a cemento zero".

Un elemento da valorizzare quartiere per quartiere? Cominciamo da San Pasquale e Mungivacca.

"Quest'ultima è abbandonata a sé stessa. prima dell'apertura del multisala era praticamente sconosciuta. Qui mancano mezzi pubblici e servizi. I cantieri, inoltre, creano problemi e ingorghi su via Amendola. Invece di costruire palazzi si potrebbe intervenire dotando le zone di giardini e luoghi pubblici per bambini e anziani. A San Pasquale, as esempio, Villa Camomilla è in condizioni pietose, un wc a cielo aperto. Inoltre, sulla questione Pirp San Marcello, vorremmo venga coinvolta tutta la cittadinanza".

Carrassi?

"E' un quartiere gemello a San Pasquale, con problematiche molto simili. Il mercato di viale Papa Giovanni XXIII manca però di una zona attrezzata per il parcheggio. Ogni giorno la viabilità si fa critica e ci vorrebbero soluzioni per decongestionare il traffico.

Poggiofranco e Picone?:

"In queste zone si avverte il problema della sicurezza. Vi sono anche diverse aree poco illuminate. Dopo le 20 alcune vie restano del tutto spente e dove sono presenti i locali pubblici, inoltre, dovrebbero essere rispettati orari e disposizioni per non arrecare disturbo alla quiete pubblica".

Un'ultima domanda sul decentramento: tra costi e benefici, la somma significa vantaggi o svantaggi per i cittadini?

"Per quanto riguarda i costi, a nostro avviso ce ne saranno di più, vista la creazione di 5 mini-comuni. Si spera però che così si riduca il contatto rea l'amministrazione municipale e i cittadini. raccogliendo direttamente le loro istanze. Il M5S vigilerà sulla correttezza delle spese e, con le varie cose di cui si occuperanno i municipi, ci auguriamo di soddisfare meglio le esigenze degli abitanti".

MUNICIPIO II: I CANDIDATI ALLA PRESIDENZA

ELEZIONI COMUNALI 2014: TUTTI I CANDIDATI E LE LISTE

DOPPIA PREFERENZA DI GENERE: CHE COSA E' E COME FUNZIONA

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Municipio II, Simone (M5S): "Un 'nido' per quartiere. Etica al servizio dei cittadini"

BariToday è in caricamento