Comunali Bari 2014

Paccione, "Bari discrimina i disabili"

Il candidato sindaco di #convochiamociperbari punta a politiche che garantiscano la piena eguaglianza di opportunità tra gli individui

"Uno dei primari indicatori del grado di civiltà di un territorio urbano è collegato al livello di protezione ch’esso assicura alle persone disabili. Bari discrimina i disabili perché impedisce loro la libera fruizione degli spazi urbani pubblici e privati". Così il candidato sindaco di #convochiamociperbari Luigi Paccione.

L'avvocato amministrativista barese punta invece a un Comune aperto e capace di valorizzare le diversità. "Occorre riqualificare la città progettando l’eliminazione di tutte le barriere architettoniche che ostacolano la piena partecipazione del disabile alla vita sociale e attuando politiche promozionali per la piena eguaglianza di opportunità tra gli individui indipendentemente dalla loro condizione sanitaria. Il nostro pensiero politico è fondato sull’idea di una città aperta, includente, laica ed egualitaria che ponga al vertice dell’azione di governo l’eliminazione di tutte le barriere, materiali e immateriali, idonee a creare diseguaglianze tra le persone. Vogliamo una città che renda i disabili parte attiva di un processo democratico di fertile partecipazione collettiva alla vita politica e sociale, nella precisa consapevolezza che il loro contributo renderà migliore il volto di Bari", ha concluso in una nota il candidato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paccione, "Bari discrimina i disabili"

BariToday è in caricamento