Comunali Bari 2014

Sannicandro pronto alla sfida delle primarie: "Rappresento la società civile"

L'assessore all'Urbanistica e allo Sport: "La mia candidatura valore aggiunto per il centrosinistra". Al PalaMartino la presentazione del programma: "Partire dal lavoro svolto in questi anni per programmare il futuro della città"

Una candidatura per dare continuità al lavoro svolto in questi anni, perchè "credo il governo della città sia essere affidato a persone affidabili che ne conoscono i limiti e le potenzialità; da chi ha già dimostrato capacità ed impegno". L'assessore all'Urbanistica e allo Sport, Elio Sannicandro, è pronto per la sfida delle primarie con le quali il prossimo 23 febbraio la coalizione di centrosinistra sceglierà il proprio candidato sindaco.

"RAPPRESENTO LA SOCIETA' CIVILE" - Ieri al PalaMartino Sannicandro ha presentato ufficialmente la sua candidatura, presentando in sintesi il suo programma e spiegando anche le ragioni che lo hanno portato a scendere in campo. Una scelta non sostenuta da un partito - come per gli sfidanti Decaro (Pd) e Giacomo Olivieri (Realtà Italia) - ma che proprio per questo, ha spiegato Sannicandro, rappresenta "un valore aggiunto per il centrosinistra". "Ci si potrà confrontare serenamente su idee e programmi, utilizzando i contenuti come premessa per la visione complessiva di sviluppo della città. Per questo non è una candidatura “contro” qualcuno ma a favore della coalizione. E vorrei che nel programma del candidato sindaco, chiunque sia il vincitore delle Primarie, siano presenti alcuni elementi che per me sono irrinunciabili". "Rappresento la società civile. Ritengo si debbano aggregare anche quei cittadini che non si riconoscono più nei partiti ma che sono interessati a partecipare ed esprimere il proprio punto di vista per migliorare la città e la qualità della vita di noi tutti".

"SVILUPPO E OCCUPAZIONE" - "Individuate le criticità che ancora limitano la macchina amministrativa e frenano la crescita socio-economica del Paese, si può pensare di impostare i prossimi cinque anni della Bari futura", ha detto Sannicandro presentando i punti salienti del suo programma. Punto di partenza, dunque, il lavoro di assessore svolto e i risultati ottenuti, con due obiettivi principali: "Sviluppo e occupazione. Può essere una sorta di “parola d’ordine” per Bari, ma è anche l’obiettivo fondamentale del mio programma e del mio lavoro da professionista, da cittadino e da assessore al Comune di Bari dal 2004 ad oggi. Per centrare questo obiettivo è necessario dotarsi degli strumenti giusti; strumenti di programmazione che non soltanto consentano di intervenire nell’immediato dove necessario, ma al tempo stesso consentano di programmare e di “lavorare” sulla città. La ricchezza delle città del futuro sono le idee non più le fabbriche". Sannicandro ha poi ripercorso le tappe principali del lavoro svolto in questi anni, dai risultati ottenuti nel settore dello sport "Bari è diventata un’eccellenza nazionale per l’impiantistica sportiva e per la loro gestione", all'adesione di Bari alla rete delle 'città attive',  dal Piano strategico di Bari e della sua Area Metropolitana al programma Bari Smart City.

"Molto resta ancora da fare, - ha concluso Sannicandro - ma la strada segnata – come dimostrano i risultati finora conseguiti – è quella giusta. Nei prossimi 5 anni, la città ha la possibilità di cogliere nuovi e ancora più importanti frutti del lavoro fatto. Anche per questo credo fermamente che il governo della città debba essere affidato a persone affidabili e che ne conoscono i limiti e le potenzialità; da chi ha già dimostrato capacità ed impegno e ha contribuito in maniera importante a costruire quotidianamente un programma di lavoro concreto e fattibile, che può consentire a tutti noi di realizzare a breve la città che vogliamo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sannicandro pronto alla sfida delle primarie: "Rappresento la società civile"

BariToday è in caricamento