Doppia preferenza di genere per il Consiglio regionale: c'è il sì della Commissione, la palla passa all'aula

Il sì è arrivato da tutti i consiglieri tranne Nino Marmo (Fi) e l'astensione del presidente. In aula saranno valutate modifiche sull'introduzione del doppio rigo nell'apposito spazio riservato all'indicazione delle preferenze sulla scheda

E' stato approvato a maggioranza, in VII Commissione regionale, il disegno di legge di modifica alla legge regionale elettorale in vigore aggiungendo la doppia preferenza di genere. Il provvedimento, per l'approvazione definitiva, dovrà adesso passare in aula. Un percorso lunghissimo che4 ha visto la Commissione, presieduta da Erio Congedo (Fdi), esaminare per 11 volte i testi presentati prima dal consigliere Ernesto Abaterusso nell’estate del 2015 e successivamente, nel giugno del 2018, uno dalla consigliera Anita Maurodinoia e l’altro da Cosimo Borraccino. Con l’aggiunta di altri due testi, uno presentato il 6 luglio dal Gruppo del M5S e l’altro, qualche giorno dopo, deliberato dal governo regionale, si è giunti alla valutazione dell’opportunità di convergere su un unico testo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sì è arrivato da tutti i consiglieri tranne Nino Marmo (Fi) e l'astensione del presidente. In aula saranno valutate modifiche sull'introduzione del doppio rigo nell'apposito spazio riservato all'indicazione delle preferenze sulla scheda e, quella depositata già oggi dalla consigliera Grazia Di Bari (M5S), per a non ammissibilità della lista qualora non rispetti la rappresentanza di entrambi i sessi nella misura del 60 per cento, rispetto alla già prevista sanzione da pagare in fase di costituzione dei Gruppi consiliari. Respindo l'emendamento di De Leonardis sull’ineligibilità a consigliere regionale degli amministratori delle aziende collegate o controllate dalla Regione o dei consulenti a qualsiasi titolo nominati dal presidente della Giunta regionale.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • I nomi del nuovo Consiglio regionale: la ripartizione dei seggi, ecco chi siederà in via Gentile

  • Comunali 2020 in provincia di Bari, al via lo spoglio | I risultati in diretta

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento