rotate-mobile
Salute Castellana Grotte

Un prelievo di sangue per stimare il rischio di tumore al fegato: lo studio realizzato dagli scienziati del De Bellis di Castellana

Il metodo si fonda sul calcolo del punteggio 'Galad', attraverso un algoritmo determinato sulla misurazione di alcuni biomarcatori presenti nel plasma. Il direttore scientifico dell’Istituto, Gianluigi Giannelli: "Quantifica il rischio di sviluppare una neoplasia al fegato dieci anni prima che si manifesti"

È sufficiente una piccolissima quantità di sangue, poco più di una goccia, per stimare il rischio di sviluppare il tumore al fegato dieci anni prima della sua comparsa. È questa la conclusione alla quale sono giunti i ricercatori dell’Irccs 'Saverio De Bellis' di Castellana Grotte dopo aver calcolato il punteggio 'Galad' attraverso un algoritmo basato sulla misurazione di alcuni biomarcatori presenti nel sangue. Lo studio, che ha coinvolto 545 pazienti con cirrosi epatica, è stato condotto in collaborazione con l’Università di Modena.

Riuscire ad individuare precocemente la presenza del tumore al fegato è fondamentale per garantire al paziente la terapia migliore, come spiega il professor Gianluigi Giannelli, direttore scientifico dell’Istituto De Bellis: "Il programma di sorveglianza dei pazienti con cirrosi epatica serve a ridurre del 37% la mortalità per epatocarcinoma, infatti circa il 60% dei pazienti con tumore epatico che riceve trapianto, chirurgia o radiofrequenza ha una sopravvivenza di almeno 5 anni, mentre i pazienti con diagnosi tardiva, e quindi un tumore più avanzato, hanno una aspettativa di vita di 1-2 anni".

"L’impiego del punteggio 'Galad' - prosegue il professor Giannelli - ci consente oggi di quantificare il rischio di sviluppare un tumore al fegato dieci anni prima che esso si manifesti, non esiste alcun altro biomarcatore per nessuna neoplasia così efficace".

 Il 'Galad', che include tre biomarcatori (alfafetoproteina, alfafetoproteina-L3 e des-ggamma-carbossi-terminale), potrebbe affiancare l’attuale impiego dell’ecografia e potrebbe avere anche altri impieghi: "Abbiamo appena completato una ricerca in fase di valutazione - continua Giannelli - nella quale abbiamo attribuito all’incremento di 'Galad' un valore prognostico, essendo correlato direttamente ad una progressione del tumore. Ma sono ancora molti i campi nei quali 'Galad' potrebbe essere impiegato come supporto decisionale nella gestione del paziente con tumore epatico, e numerosi sono gli studi attualmente in corso presso il De Bellis".

La piattaforma tecnologica utilizzata per il dosaggio dei biomarcatori 'Galad' è unica al Sud e in Italia è in possesso solo della Asl di Novara in Piemonte. È stata acquistata dal 'De Bellis' da circa un anno grazie alla raccolta delle donazioni spontanee attraverso il 5 per 1000 destinato alla ricerca, un aspetto da non sottovalutare: "È un esempio virtuoso questo - conclude il direttore scientifico del De Bellis, Gianluigi Giannelli - i cittadini grazie alla donazione 5 per 1000 hanno consentito l’acquisto della strumentazione e l’Irccs la mette a loro disposizione per la prevenzione in una malattia tumorale altamente aggressiva, chiudendo così un cerchio di mutua collaborazione che come destinatario principale ha sempre il cittadino".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un prelievo di sangue per stimare il rischio di tumore al fegato: lo studio realizzato dagli scienziati del De Bellis di Castellana

BariToday è in caricamento