Al De Bellis di Castellana arriva il '3 Tesla' per la risonanza magnetica: "Raddoppieremo qualità e quantità delle prestazioni"

L'apparecchiatura è stata acquistata con i fondi europei di Azione 9.12 POR Puglia 2014-2020. Il direttore generale dell'ospedale, Tommaso Stallone: "Avremo così una maggiore precisione nella diagnostica"

All'Irccs de Bellis di Casrellana Grotte arriva '3 Tesla', l'ultimo modello di risonanza magnetica sul mercato, finora in dotazione solo in strutture private. Si tratta della prima struttura della sanità pubblica pugliese ad averlo acquistato, sfruttando i fondi europei Azione 9.12 POR Puglia 2014-2020, intervento di 'Potenziamento di diagnostica per immagini'.

"Questo nuova generazione di risonanza magnetica - afferma il direttore generale dell'ospedale, Tommaso Stallone - ci permetterà di raddoppiare la qualità e la quantità delle prestazioni, consentendo una maggiore precisione nella diagnostica, fondamentale nella lotta ai tumori. Fra qualche giorno attiveremo le prestazioni anche per i pazienti esterni riducendo così le liste di attesa. È un bel risultato per il de Bellis e soprattutto per i cittadini e per i pazienti che verranno a curarsi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 "“L’installazione della nuova risonanza magnetica - commenta il direttore sanitario Roberto Di Paola - costituisce un ulteriore passo avanti nel processo di ammodernamento tecnologico di alto livello che la Regione Puglia sta portando avanti al de Bellis. Passare a una risonanza di ultima generazione con un campo magnetico due volte superiore rispetto alle macchine di 1,5 Tesla presenti sul territorio, consente di incrementare l’accuratezza diagnostica degli esami effettuati, ma anche di supportare il percorso di diagnosi e follow up del paziente oncologico attraverso esami più dettagliati e più rapidi: e l’aumento di velocità di esecuzione dell’esame consente un aumento del numero esami che si possono effettuare nell’unità di tempo. Infine, rispetto alle apparecchiature tradizionali RM a configurazione chiusa, la tecnologia fully digital e l’accesso più confortevole per il paziente di cui è dotata la nuova RM 3 Tesla permette di ridurre il senso di costrizione durante l’esame".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo Dpcm già oggi? Per fermare il contagio covid in arrivo il coprifuoco alle 22

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Formiche volanti: come scongiurare l'invasione in casa

  • Fermare l'aumento dei contagi ed evitare il lockdown, oggi il nuovo dpcm: verso coprifuoco alle 22 e orari scaglionati per le scuole

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • 'Caffè' al banco vietato dalle 18 dopo il nuovo Dpcm, la prima multa a Bari è per un bar del centro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento