Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

A caccia nel parco dell'Alta Murgia con richiami acustici illegali: multa e denuncia

Il cacciatore di tordi scoperto dai carabinieri forestali: oltre alla denuncia e alla sanzione di oltre 500 euro, per l'uomo è scattato anche il sequestro del fucile

I continui sopralluoghi dei carabinieri forestali in contrada 'Parisi', hanno infatti permesso di individuare un richiamo acustico elettromagnetico in funzione, occultato nei pressi di un muro a secco, che riproduceva e diffondeva il verso dei tordi: uno strumento non consentito dalla normativa sull’esercizio venatorio.

Sono così scattati gli appostamenti che hanno permesso di sorprendere il cacciatore, in chiaro esercizio venatorio che si avvantaggiava dell’utilizzo del richiamo nel mentre abbatteva alcuni esemplari della predetta fauna migratoria. Vista la flagranza, i militari dopo aver identificato il soggetto, hanno sequestrato l’arma, le munizioni in suo possesso, la fauna nel carniere, nonché il richiamo elettromagnetico illecitamente utilizzato.

Il prosieguo delle indagini ha permesso di accertare che l’uomo, in quanto proveniente da altra regione non era in possesso delle specifiche autorizzazioni e risultava non aver pagato le relative tasse regionali. Per questo oltre al deferimento alla competente Autorità Giudiziaria di Bari per il reato di esercizio venatorio con mezzi non consentiti, gli sono state contesta sanzioni amministrative di oltre 500 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A caccia nel parco dell'Alta Murgia con richiami acustici illegali: multa e denuncia

BariToday è in caricamento