Rapinarono armati due negozi di Bitonto: in manette un 23enne e un 17enne

Gli episodi che vedono coinvolti i due ragazzi sono avvenuti nell'arco di un trimestre. Nel mirino una farmacia e un supermercato

Finiscono agli arresti un 17enne bitontino e un 23enne, accusati di aver compiuto tre rapine a Bitonto nell'arco di un trimestre. I due, destinatari di due diverse misure cautelari emesse dai gip su richiesta della Procura del Tribunale di Bari e da quella del Tribunale per i minori, avrebbero preso di mira una parafarmacia e un supermercato.

Gli inquirenti hanno poi ricostruito le modalità in cui sono avvenute le rapine. Nella prima, i due ragazzi obbligarono la cassiera a consegnare l'incasso simulando il possesso di un'arma. Nel caso del minimarket, invece, il minore entrò nel negozio insieme ad altre persone - su cui sono in corso approfondimenti investigativi - e minacciando i presenti con un coltello, si fece consegnare l'incasso giornaliero, sottraendo anche il portafoglio a una cliente. L'ultimo episodio vede invece protagonista il 23enne, che effettuò una seconda rapina - a distanza di pochi mesi - a una parafarmacia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini condotte dai poliziotti del Commissariato di di Bitonto hanno permesso di raccogliere, nell’immediato e nelle successive perquisizioni e sequestri, elementi investigativi che hanno fatto emergere le responsabilità degli arrestati, identificati anche grazie ai numeri filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza. Il 23enne è agli arresti domiciliari mentre il 17enne si trova al momento in un istituto penale per minorenni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come proteggersi dal contagio del ''Coronavirus'': le mascherine, i disinfettanti e le abitudini igieniche

  • Pensionato multato al Libertà, Decaro gli telefona dopo la ramanzina: "Sbagliato comportarmi così ma doveva restare a casa"

  • Party di compleanno per i 18 anni nonostante i divieti coronavirus: in casa arriva la Polizia, scattano multe salatissime

  • "Non abbiamo più spazio nei cimiteri, dovete rispettare le regole", lo sfogo di Decaro nella diretta social: "Così non ne usciamo più"

  • Primo decesso per Coronavirus a Modugno, il dolore del sindaco Magrone: "Una sconfitta di tutti"

  • Tredici casi di coronavirus nella residenza per anziani Villa Giovanna: tamponi anche ad altri ospiti

Torna su
BariToday è in caricamento