Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Dal Cara al sogno di diventare campioni, la storia di Abdul e Hista

Ospiti della struttura di Palese, hanno potuto continuare ad allenarsi grazie alla generosità di due poliziotti, che si sono accorti del loro talento, e hanno comprato loro scarpe nuove e tute

Dopo un'odissea di viaggi e sofferenze, approdano al Cara di Palese. Ma Nageeye Abdulle Abdisha Juur, somalo di 21 anni, e di Hitsa Mussie, 24 anni, eritreo, non vogliono rinunciare alla loro passione, la corsa, e al loro sogno di diventare un giorno dei campioni. Così, seppure con le scarpe logore e malconce, ogni giorno continuano ad allenarsi correndo lungo il perimetro del Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo. A raccontare la loro storia è l'ultimo numero del settimanale Famiglia Cristiana.

Un giorno, due poliziotti in servizio al Cara, il sovrintendente Francesco Leone e l'assistente capo Francesco Martino, appassionati di mezzofondo, li vedono correre e allenarsi. Decidono di cronometrare i tempi e scoprono che, a dispetto delle gambe magre e apparentemente così fragili, quei due giovani sono due atleti di razza.

I due poliziotti (entrambi sposati e con monoreddito famigliare, Leone padre di due figli e Martino di tre) non ci pensano due volte e acquistano a proprie spese tute, scarpe e quant'altro per permettere a quei due piccoli 'fenomeni' di allenarsi in modo più dignitoso, pur se all'interno del Cara, coinvolgendo anche un loro collega, Donato Ventura, pure lui runner.

Abdulle era stato chiamato nel 2011 a difendere i colori del suo paese ai mondiali di atletica leggera in Corea del Sud; è arrivato sino alla semifinale dei 5.000 metri. Ora ha in mano un permesso di tre anni per protezione umanitaria. Hitsa ha avuto un permesso di soggiorno come rifugiato per cinque anni ed è partito per la Svizzera. Ma l'amicizia nata da quel gesto di solidarietà sopravvive nonostante il tempo e la lontananza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Cara al sogno di diventare campioni, la storia di Abdul e Hista

BariToday è in caricamento