menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inaugurato il Bifest 2020: grande schermo in piazza Libertà e misure anticovid per gli spettatori

Si è aperta ufficialmente l'undicesima edizione del Film Festival, per la prima volta ad agosto causa pandemia. Decaro: "Serata simbolo per l'Italia"

Il Bifest c'è: nonostante le preoccupazioni e il rinvio dovuto all'emergenza covid, l'undicesima edizione del Film Festival di Bari è realtà. Periodo dell'anno inedito (agosto) e qualche luogo mai sperimentato ma dalle grandi potenzialità come piazza Libertà, sede della serata inaugurale e delle anteprime internazionali, dove è stata allestita un'arena all' aperto per 715 spettatori tutti distanziati per le normative anti coronavirus. La pandemia, inevitabilmente, ha ridimensionato i programmi ma non la durata, confermata a 9 giorni, con una serie concentrata di appuntamenti dislocati anche nel Castello svevo, nel teatro Piccinni e nel Margherita. All'ingresso gli spettatori hanno trovato termoscanner per la temperatura e gel igienizzanti per poi prendere posto distanziati, congiunti compresi. La serata inaugurale si è aperta con i videomessaggi di Pierfrancesco Favino, vincitore del Prenio Vittorio Gassmann come migliore attore protagonista, e Nicola Piovani per il miglior compositore,  un documentario sulla visita del compianto Ennio Morricone sulla masterclass della scorsa edizione al Petruzzelli, per proseguire con la proiezione de 'La ragazza con la pistola' di Mario Monicelli (a cui è dedicata l'edizione 2020 del Bifest) interpretato da Monica Vitti. 

"Il 10 marzo - ha ricordato il sindaco Antonio Decaro - l giorno del Lockdown passeggiavo su via Argiro. Era tutto buio, la strada desolata e stavonpensando a tutto quello che stavamo perdendo vome il Bifest che da lì a qualche settimana avrebbe portato fermento in città. Pensavo non ce l'avremmo fatta e nonostante tutto è bellissimo. Questa serata è un simbolo per questa città, questa regione e questo Paese. Se manteniamo le restrizioni possiamo tornare a vivere in attesa di un vaccino". 

"È un'edizione eccezionale a causa della pandemia Covid che quest'anno non vede il Petruzzelli ma c'è quest'arena in piazza Libertà. - spiega il direttore artistico Felice Laudadio - La Puglia è la vetrina del cinema italiano".

"Quest'anno - spiega la presidente di Apulia Film Commission. Simonetta Dello Monaco - abbiamo stabilito una sinergia importantissima con il Comune di Bari in una location che è il cuore della città. Il cinema è un elemento fondamentale per l'economia di questa città. Non si potrva non fare. Abbiamo gettato il cuore oltre l'ostacolo, acquisendo competenze nuove e imparando come fare un evento in grande sicurezza. Per questo ringrazio tutto lo staff del Bifest". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento