menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Molfetta, sequestrati beni per 1 milione a commerciante: sigilli ad azienda di abbigliamento

L'uomo, con precedenti condanne per ricettazione e contraffazione, dichiarava redditi di circa 600 euro al mese, ma possedeva auto di grossa cilindrata e conti correnti

Moto, auto, conti correnti e una ditta operante nel settore del commercio di abbigliamento: beni per un valore di circa 1 milione di euro, sono stati sequestrati dalla Finanza a Molfetta. Nel mirino il patrimonio un 60enne, C.A., domiciliato a Molfetta ma originario di Bitonto.

Il provvedimento di sequestro per la successiva confisca è stato eseguito dai Finanzieri della Tenenza di Molfetta a conclusione di indagini patrimoniali, coordinate dalla Procura della Repubblica di Bari su provvedimento emesso dalla Terza Sezione del locale Tribunale – Ufficio Misure di Prevenzione.

L'uomo, già condannato in via definitiva per i reati di ricettazione e contraffazione per fatti commessi fra il 2007 e il 2008, risulta coinvolto in diversi procedimenti penali attualmente pendenti presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani sempre per reati della stessa specie commessi, principalmente, a Molfetta. Tra questi il sequestro, avvenuto nel giugno 2013, di migliaia di capi contraffatti di note griffe nazionali ed estere. Secondo quanto scoperto dalla Finanza, la merce era stipata in un box, adibito a vera e propria “boutique” con tanto di specchio per la prova dei capi fasulli, adiacente al negozio ubicato in una zona “in” di Molfetta dove, ufficialmente, il 60enne esercitava il commercio al dettaglio di abiti firmati.

Al termine di dettagliati accertamenti da parte delle Fiamme Gialle, il 60enne è risultato avere un tenore di vita sproporzionato rispetto al reddito dichiarato. L'uomo infatti, a fronte di redditi poco più che sufficienti al suo sostentamento (circa 600 euro mensili), fra il 1997 ed il 2014 avrebbe acquistato e successivamente rivenduto circa 20 veicoli, anche di grossa cilindrata (Mercedes, Bmw e Volvo), avviando anche, dal 2003, un’attività di impresa nel settore del commercio di abbigliamento pur avendo negli anni immediatamente precedenti subito grosse perdite nell’esercizio di altra attività imprenditoriale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento