Cronaca

Casi di covid nell'azienda di carni Siciliani, lavoratori a casa. Riunione Asl, prefetto e azienda: sul tavolo la chiusura

A gran parte degli oltre 500 dipendenti è stato chiesto, oggi, di non recarsi al lavoro. In azienda vi sarebbero, spiega la Uila, solo alcuni amministrativi per il disbrigo di pratiche indifferibili

Quasi tutti i lavoratori dell'azienda di lavorazione carni Siciliani di Palo del Colle (Bari), dove nei giorni scorsi sono stati scoperti 40 casi di covid-19, sono rimasti oggi a casa. Ieri, infatti, ai dipendenti è arrivata una comunicazione aziendale che li invitava a non presentarsi nella giornata di oggi. Nello stabilimento avrebbero avuto accesso solo alcuni lavoratori amministrativi, per disbrigo di pratiche indifferibili. La gran parte degli oltre 500 dipendenti, dunque, non si è recata al lavoro: nelle prossime ore potrebbero arrivare i risultati degli altri 400 tamponi effettuati dall'Asl, dopo i primi 110 che hanno visto una quarantina di positivi. Da stamane è in corso una riunione a Palo del Colle tra Dipartimento di prevenzione Asl, azienda e prefetto, per disporre l'eventuale chiusura.

I sindacati chiedono chiarezza sulla situazione e sulle prospettive a breve termine di un'azienda riferimento del territorio, coinvolgendo famiglie da Modugno, Palo e numerosi centri dell'hinterland barese: "Al momento - spiega a BariToday Pietro Buongiorno, segretario Uila Bari - non sappiamo se la chiusura sia preventiva o sia stata disposta dalle autorità sanitarie. Attendiamo riferimenti che ci spieghino la chiusura di uno stabilimento importante per la zona. Dopo i primi casi avevamo già chiesto, con una lettera al prefetto, lo stop per i lavoratori in attesa dei risultati delle indagini epidemiologiche. Riteniamo che fermarsi un attimo sarebbe potuta essere una soluzione giusta ma l'azienda ha preferito proseguire".

I risultati dei tamponi consentiranno di chiarire quanto si sia propagato il contagio all'interno dello stabilimento, nel quale sono impiegati anche lavoratori di cooperative: "Sembrerebbe che - aggiunge Buongiorno - i dispositivi di protezione individuale siano stati distribuiti e il distanziamento sociale sia stato rispettato, così come veniva misurata la temperatura ai dipendenti. A questo punto ci chiediamo come sia stata possibile la propagazione del covid". Sul caso è intervenuto anche, brevemente su Facebook, il sindaco di Bitonto Michele Abbaticchio che, confermando la chiusura ha invitato a far piena luce sulla situazione e a salvaguardare la salute: "All'impresa, ai suoi dipendenti tutti ed alle comunità interessate deve rivolgersi tutta l'attenzione possibile da parte delle autorità competenti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casi di covid nell'azienda di carni Siciliani, lavoratori a casa. Riunione Asl, prefetto e azienda: sul tavolo la chiusura

BariToday è in caricamento