Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Animali allevati tra sporcizia e rifiuti, scoperta masseria-lager a Locorotondo

La scoperta fatta dagli agenti del Corpo forestale dello Stato: gli animali (cavalli, mucche, conigli) vivevano ammassati in baracche strettissime, circondati da letame e da rifiuti di ogni genere

Una vera e propria masseria-lager in cui gli animali venivano allevati in condizioni insostenibili, circondati dal loro stesso letame e da rifiuti di ogni genere. E' la scoperta fatta oggi nelle campagne di Locorotondo dagli agenti del Corpo Forestale dello Stato, che hanno denunciato i due anziani gestori della fattoria.

Gli animali (otto cavalli, quattro bovini, sette maiali, dieci capre, sei cani, conigli e polli) vivevano costretti in strette baracche, circondati da sporcizia, letame, e rifiuti di ogni genere: carcasse di frigoriferi e lavatrici, ringhiere da balcone, tapparelle, reti da materasso, serrande, porte e finestre. Tre vitelli erano costretti in uno spazio di due metri per tre, mentre le capre erano ammucchiate in una stalla improvvisata alta meno di un metro e mezzo e piena di letame. I cagnolini, poi, erano rinchiusi in gabbia insieme ai conigli.

Agli anziani titolari della masseria è stata contestata la violazione totale delle norme che disciplinano la tenuta degli animali (tutti tenuti abusivamente senza autorizzazione e senza microchip) e la violazione della normativa ambientale in materia di rifiuti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Animali allevati tra sporcizia e rifiuti, scoperta masseria-lager a Locorotondo

BariToday è in caricamento