Cronaca Via Alfredo Giovine

Prostituzione, blitz dei carabinieri sul lungomare sud: sequestrate 15 abitazioni

Gli appartamenti, affittati a prezzi esorbitanti a giovani donne straniere, erano utilizzati come 'case d'appuntamento'. Indagati i proprietari

Blitz antiprostituzione dei carabinieri sul lungomare sud. I militari hanno sequestrato all'alba quindici abitazioni, da tempo utilizzate come 'case d'appuntamento'.

Dalle indagini, condotte dai carabinieri della Compagnia di Bari Centro, coordinati dalla Procura, è emerso che tali appartamenti, molti dei quali con affaccio diretto sulla strada, erano stati affittati, con regolari contratti registrati a giovani donne straniere, provenienti dalla vicina Romania, ma anche da Ecuador, Brasile, Colombia e Repubblica Domenicana.

Le abitazioni, a volte anche prive di acqua, luce e scarichi fognari, erano date in affitto a canoni esorbitanti, ed erano in alcuni casi di proprietà di ex prostitute, diventate a loro volta 'sfruttatrici' di altre donne.

PROSTITUTE SUL LUNGOMARE: IL VIDEO DEL BLITZ NELLE 'CASETTE'

Gli accertamenti condotti dai carabinieri, anche attraverso l'uso di telecamere, hanno permesso di attestare lo sfruttamento subito dalle ragazze, e di dimostrare come i proprietari delle abitazioni fossero a conoscenza di ciò che avveniva al loro interno.

Sulla base di tali indagini, il GIP del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica, ha emesso 15 provvedimenti di sequestro preventivo degli immobili, eseguiti dai carabinieri. Gli indagati dovranno rispondere a vario titolo di diverse violazione penali previste dalla Legge Merlin del 1958, tra cui l’aver adibito le proprie abitazioni a case di prostituzione e l’aver sfruttato e favorito tale attività.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituzione, blitz dei carabinieri sul lungomare sud: sequestrate 15 abitazioni

BariToday è in caricamento