Un'area verde al posto del vecchio edificio abusivo: a Modugno il 'Bubbone' lascia il posto a un giardino (in attesa del nuovo parco)

Completata in autunno la demolizione dell'ecomostro del quartiere Cecilia, l'area è stata temporamente sistemata per tornare ad essere fruibile, in attesa della realizzazione del progetto definitivo del 'Parco della Legalità'

Dove c'era lo scheletro in cemento del vecchio 'Bubbone', ora c'è una piazza con aiuole e alberelli, in attesa di quello che diventerà il Parco della Legalità. Si trasforma così uno dei luoghi 'simbolo' del quartiere Cecilia, a Modugno. Dopo la demolizione dell'ecomostro abusivo, attesa da decenni, l'amministrazione Magrone ha provveduto a dare una sistemazione temporanea all'area, per renderla fruibile.

"Abbiamo fortemente voluto la sistemazione temporanea dell'area della demolizione per fare in modo che ai residenti del quartiere, oltraggiati per 50 anni dalla presenza dell'ecomostro abusivo e pericoloso, fosse restituito in anticipo sui tempi previsti per la realizzazione del Parco della Legalità, uno spazio pubblico, una piazza con del verde, da poter fruire appena le attuali restrizioni emergenziali si allenteranno. Grazie a questo intervento, peraltro, abbiamo ridotto da subito i disagi della popolazione residente. Infatti immediati sono i vantaggi rivenienti dalla eliminazione dell'area di cantiere che, scongiurando abbandono e degrado ambientale, ha permesso la creazione di posti auto e di banchine pedonali intorno al perimetro del parco". 

In attesa del Parco della Legalità, dunque, tra le vie Ancona, Pordenone e Canne della Battaglia, è nato il parco "Agorà". Come da progetto - concepito dal team dei progettisti appaltatori Ing. Giuseppe Cataldo e Arch. Nicola Sacco, seguito dal Responsabile del Servizio comunale Lavori Pubblici, Franco Bruno - l'area centrale del Parco Agorà, oggi allestita con panchine destinate alla sosta e una pavimentazione ludica transitoria, ha visto la messa a dimora, in maniera temporanea, di alberi che concorreranno alle sistemazioni a verde definitive del Parco della Legalità da realizzare. La piazza, nel suo allestimento temporaneo, si configura come un "incubatore" degli alberi del progetto definitivo. Questa operazione permette di curare la messa a dimora degli alberi con il vantaggio che gli stessi potranno crescere, nel periodo che intercorre dall'allestimento temporaneo a quello definitivo, garantendo altresì attecchimento e riambientamento delle specie di progetto. La piazza interna è perimetrata da una fascia di arbusti aromatici mediterranei (Rosmarino prostrato, Timo Capitato, Elicrisio e Ginestra) ideali per ricreare una giardino sensoriale olfattivo. Tutte le essenze saranno reinserite nel progetto definitivo del Parco della Legalità.

Tutte le opere di fruizione "temporanea" dell'area ripropongono con forme semplificate, quella che sarà la configurazione finale di progetto e ne anticipa la suddivisione in aree verdi e aree pedonali destinate alla socializzazione e ai rapporti di comunità. Le "zolle verdi", che nella sistemazione finale saranno le aree verdi sopraelevate rispetto alla quota stradale, nel parco temporaneo sono state pensate per sperimentare un "Orto Urbano di Comunità". Le aree degli orti sono state predisposte su uno strato di terreno fertile e suddivise in fasce parallele, a comporre un disegno alternato di terreno coltivabile e sentieri calpestabili. Istituti scolastici e/o associazioni potranno essere coinvolte per promuovere forme di adozione e utilizzo degli orti urbani, sia per scopi didattici sia per finalità legate all'educazione all'alimentazione e, ancor più, alla cura degli spazi pubblici. Nell'aiuola che costeggia via Canne della Battaglia, sono inseriti tre episodi di riproduzioni di "giochi da strada", la Campana, il Labirinto ed il Tappeto di colori, per stimolare i bambini alle attività e alla pratica dei giochi che una volta si svolgevano per strada. Gli schemi grafici sono solo delle "matrici" su cui i bambini potranno ampliare liberamente la propria creatività. Attraverso l'utilizzo di biglie, macchinine e tappi, si spera di recuperare e incentivare il "gioco all'aria aperta" come momento propedeutico per sviluppare socialità e condivisione delle regole. A supporto delle attività dell'Orto di Comunità sono stati predisposti dei sistemi molto semplici per la captazione e lo stoccaggio dell'acqua piovana che, all'occorrenza, potranno essere riforniti con acqua per l'irrigazione. Tutta l'area è recintata con un cancello per regolamentare gli accessi e proteggere gli orti dalle attività dei marciapiedi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Assessore ai Lavori Pubblici Antonio Armenise: "Abbiamo posto le condizioni per stimolare, al termine dell'emergenza sanitaria, una risposta dei cittadini attraverso la riattivazione degli spazi restituiti. Le attività dell'orto e della piazza temporanea potranno concorrere alla valorizzazione del tessuto urbano promuovendo una partecipazione attiva degli abitanti alla vita di quartiere. Pratichiamo in pieno il rammendo urbano come strumento per la riqualificazione del tessuto fisico e sociale di questa parte della città risarcendola di interminabili decenni di totale mancanza di rispetto e di attenzione da parte delle istituzioni".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

  • Incendio a Valenzano: fiamme nelle vicinanze delle palazzine, avvertite anche delle esplosioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento