Tre kg di orecchiette di Bari Vecchia "senza tracciabilità" nelle cucine: ristoratore costretto a distruggere la pasta

Controlli del Nucleo Annona della Polizia Locale. Per lui è scattata anche una multa, a causa di violazioni del regolamento sull'occupazione del suolo pubblico in città.

In un ristorante di corso Vittorio Emanuele, nel centro di Bari sono stati scoperti tre kg di orecchiette senza tracciabilità nel corso di controlli da parte degli Agenti del Nucleo Annona della Polizia Locale. Il prodotto artigianale era stato acquistato dalle signore di Bari Vecchia che, giornalmente producono pasta fresca apprezzata dai turisti e non solo. La notizia è riportata da Repubblica-.Bari.

Il ristoratore è stato quindi obbligato a distruggere la pasta. Per lui è scattata anche una multa, a causa di violazioni del regolamento sull'occupazione del suolo pubblico in città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è il 'paziente 1' in Puglia: era tornato dalla Lombardia, ora è in isolamento in ospedale

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Violenta rissa a Bari, volano calci e pugni in strada: arrestati studente universitario e due trentenni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

Torna su
BariToday è in caricamento