Palagiustizia, i magistrati restano in via Nazariantz: trasloco congelato per un altro mese

E' quanto emerso dalla Conferenza permanente che si è tenuta oggi: ogni decisione sullo spostamento è rimandata ad ottobre, in attesa di capire in quali sarà disponibile l'ex palazzo Telecom

Trasloco congelato per un altro mese: i magistrati della Procura di Bari restano per ora nel palazzo inagibile di via Nazariantz. E' quanto emerso dalla Conferenza permanente che si è riunita oggi in Corte di Appello. La decisione è stata presa in attesa di conoscere quali saranno i tempi del trasloco nell'ex torre Telecom: su questo punto, infatti, al momento non ci sono indicazioni, poichè si dovrà attendere prima la conclusione degli accertamenti amministrativi e tecnici del caso. In ogni caso, poi, l'immobile è occupato sino a novembre e solo successivamente potranno iniziare i lavori di adeguamento. Di conseguenza, si è deciso di sospendere lo spostamento degli uffici della Procura rinviando le decisioni in merito alla prossima riunione, già fissata per l’8 ottobre, mentre nel frattempo i cancellieri dei pm, già trasferiti in via Brigata Regina, potrebbero tornare nuovamente in via Nazariantz.

Intanto questa mattina, prima della Conferenza permanente, è andata in scena la protesta silenziosa di giudici e avvocati, che si sono riuniti in piazza De Nicola per denunciare le conseguenze disastrose della situazione attraversata dalla giustizia penale barese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

  • "Puntiamo alla zona gialla". Decaro: "Con misure meno restrittive per un Natale più sereno"

Torna su
BariToday è in caricamento