menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Palese: rapina e minaccia di morte l'ex compagna poi si scaglia contro gli agenti. Arrestato un 57enne

Mattinata di follia a Palese: protagonista un pregiudicato che ha derubato e minacciato di morte l'ex convivente e poi ha intrapreso uno spericolato inseguimento con i poliziottii

Giovedì mattina a Bari, la Polizia di Stato ha tratto in arresto un 57enne con precedenti di polizia, ritenuto responsabile di rapina aggravata, evasione dagli arresti domiciliari, tentata estorsione, resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato.

L’arrestato, identificato come Francesco Cisternino, poche ore prima, era evaso dagli arresti domiciliari, recandosi successivamente presso l’abitazione della ex convivente. Giunto sul posto ha minacciato la donna con un martello, facendosi consegnare le chiavi della sua autovettura.

Dopo aver telefonato al 113, la donna ha riferito di essere stata contattata telefonicamente dall’uomo, il quale le aveva dato appuntamento a Palese per estorcerle 300 euro in cambio della riconsegna del veicolo.

Dopo aver ricevute le indicazioni necessarie, due equipaggi della Squadra Mobile hanno pedinato, a sua insaputa, la donna e si sono recati sul luogo dell’incontro dove hanno individuato l’auto rapinata e l’estorsore a bordo il quale, all’intimazione di scendere dal veicolo, ha speronato una delle due vetture di servizio e ha tentato, durante la fuga, di investire gli stessi operanti.

Da quel momento è scaturito un lungo e folle inseguimento per le strade di Palese, in cui la sicurezza dei passanti e degli altri automobilisti è stata messa a forte repentaglio e al termine del quale Cisternino è riuscito a far perdere le proprie tracce.

La donna, seguita sempre discretamente dagli agenti, subito dopo, si è recata in una zona periferica dello stesso quartiere; presumendo che dovesse incontrarsi nuovamente con l’estorsore, è stato predisposto un servizio di appostamento che ha consentito ai poliziotti di individuarlo nuovamente, nascosto tra la vegetazione di una strada sterrata.

A quel punto gli agenti sono intervenuti intimando al Cisternino di fermarsi, tuttavia il 57enne ha bloccato la donna stringendola con forza e, minacciandola di morte, puntandole un cacciavite alla gola. Dopo le reiterate richieste di lasciarla andare e non farle del male, Cisternino ha allontanato violentemente l'ex convivente e impugnando il cacciavite si è scagliato contro il personale. I poliziotti, non senza difficoltà, sono finalmente riusciti a disarmarlo ed ammanettarlo. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato al carcere di Bari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento