Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Petruzzelli, il bilancio torna in attivo: "64mila euro di utili"

Risanato il debito di due milioni di euro accumulato dalla Fondazione. Soddisfatto il commissario Fuortes, che però avverte: "Il percorso finanziario non è completato, serve ancora il sostegno dei soci"

Il bilancio della Fondazione Petruzzelli torna ad essere positivo. Dopo tre anni di passivo, il 2012 - anno del commissariamento di Carlo Fuortes - si chiude per l'ente con un utile di 64mila euro. I dati del bilancio consuntivo sono stati resi diffusi oggi nel corso di un incontro con i giornalisti che si è svolto nel foyer del Teatro e a cui hanno preso parte i soci della Fondazione: il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, il presidente della Provincia di Bari Francesco Schittulli e, in rappresentanza della Camera di Commercio, Benny Campobasso.

IL DEBITO DI DUE MILIONI - "Uno dei motivi per cui il Ministero ha deciso, nel marzo dello scorso anno, il commissariamento - ha ricordato Fuortes - era l'entità del debito della Fondazione, circa due milioni di euro, debito causato in gran parte da un problema occupazionale (coro e orchestra)". "Da quel giorno la stagione è comunque ripartita, e non soltanto abbiamo rispettato il calendario già fissato - ha continuato - ma abbiamo aggiunto un'opera (Italiana in Algeri), abbiamo bandito in dicembre i concorsi per coro e orchestra e abbiamo anche nominato un nuovo direttore musicale, Daniel Rustioni".

PIU' RECITE, MENO BIGLIETTI OMAGGIO - "A rendere positivo il bilancio hanno contribuito - ha continuato Fuortes - l'aumento del numero delle recite, dal 30 al 40 per cento, dato che può ancora migliorare, quello della domanda e quello degli incassi per una netta diminuzione del numero dei biglietti omaggio". "Si è riusciti a risanare il debito - ha sottolineato Fuortes - con un decremento sia delle spese del personale sia di quelle dei servizi sempre a fronte di un aumento della produzione". "Contributi fondamentali comunque - ha sottolineato il commissario - sono stati i due milioni di euro stanziati dalla Regione Puglia e 400mila euro dalla Provincia di Bari che hanno consentito, nonostante un taglio di 450mila euro operato dal Comune, di coprire le passività pregresse". "Nonostante ci sia un utile netto positivo - ha concluso Fuortes - il percorso finanziario non è completato e chiediamo ai soci un ulteriore sostentamento che potrebbe consentirci, alla fine del 2013, di diventare un nuovo modello di gestione di un ente lirico".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Petruzzelli, il bilancio torna in attivo: "64mila euro di utili"

BariToday è in caricamento