Dodici mesi di 'Porta Futuro', Romano: "Buon punto di partenza"

Presentati i risultati del Job Center allestito alla Manifattura Tabacchi: "Stipulati per 125 persone da aziende accreditate su 4886 iscritti". Organizzati seminari e corsi di formazione

Centoventicinque contratti stipulati con aziende su 4886 cittadini accreditati: il Comune di Bari ha raccolto i dati del primo anno di attività di Porta Futuro, il job center di nuova generazione aperto a fine novembre 2015 nella Manifattura Tabacchi del quartiere Libertà. Tra i numeri delle attività, si segnalano 200 cittadini che hanno effettuato colloqui di orientamento individuale, per un totale di 600 ore. Diciotto, invece i recruiting day per selezionare i lavoratori direttamente a Porta Futuro, che hanno visto la partecipazione di una media di 100 persone per incontro. Seicentotrentotto, infine gli incontri di consulenza assistita per la compilazione corretta di curriculum vitae.

Nei primi dodici mesi di attività sono stati organizzati 13 corsi di formazione, con la media di uno al mese, che hanno interessato prevalentemente le discipline informatiche e le lingue straniere coinvolgendo circa 320 cittadini. I corsi sono stati organizzati sulla base dell’identikit degli utenti registrati al centro, che per il 55% hanno un’età compresa tra i 20 e i 40 anni. Non sono mancati 90 seminari informativi e di approfondimento su job act (25), sulle offerte del programma Garanzia giovani (23) e sulle modalità più efficaci di ricerca di un lavoro. 

“Siamo molto soddisfatti del primo anno di attività di Porta Futuro - dichiara Paola Romano - un servizio innovativo che in pochi mesi è diventato un punto di riferimento non solo per i cittadini in cerca di lavoro ma anche per le imprese del territorio, per le associazioni di categoria e soprattutto per le scuole, che hanno trovato qui la possibilità di avviare alcuni percorsi di consulenza per giovanissime start up. Proprio con le scuole abbiamo scelto di avviare in questo centro i primi incontri per la definizione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, che possono essere uno strumento importante per mettere in contatto i giovanissimi con le aziende del territorio". 

"Porta Futuro -.aggiunge -nasce come centro che deve facilitare l’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro e, pur essendo un servizio innovativo, su cui abbiamo fatto una vera e propria scommessa basandoci sulle esperienze positive di città molto grandi, come Roma e Barcellona, aver chiuso il primo anno di vita con questi dati - un incontro al mese di recruiting con aziende specializzate, e, soprattutto, 125 contratti stipulati con le aziende accreditate crediamo sia un buon punto di partenza. Ovviamente siamo consapevoli che si tratta soltanto di un punto di partenza e che Porta Futuro deve diventare maggiormente attrattiva, soprattutto dal punto di vista dell’informazione. Per questo, con il nuovo soggetto gestore del job center, stiamo valutando una nuova campagna di comunicazione su scala metropolitana, perché crediamo che Bari debba essere solo il centro simbolico delle nostre politiche sull’inclusione attiva dei cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Bari, smantellato traffico internazionale di droga: 15 arresti, sequestri di beni per 3,5 milioni

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

Torna su
BariToday è in caricamento