menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scoperto traffico di rifiuti dalla Bulgaria al Benin: denunciato un uomo

La scoperta nel Porto di Bari da parte delle autorità doganali e personale del Corpo Forestale: due tir colmi di resti di camion fatti a pezzi sono stati sequestrati

Un commerciante di nazionalità beninese è stato denunciato a piede libero in seguito a un controllo eseguito dall’Agenzia delle Dogane ed il N.I.P.A.F. del Corpo Forestale dello Stato nel porto di Bari con l'accusa di di esportazione illecita di rifiuti.

E' stato accertato che i due automezzi sottoposti al controllo per l'accertamento della merce trasportata, erano partiti dalla Bulgaria e diretti verso il Benin, in transito dall’Italia.

I conducenti hanno esibito fatture commerciali relative a parti di ricambio usate per autocarri destinate all’esportazione, ma procedendo ad un controllo visivo della merce, si è accertato che quelli che dovevano essere esportati e commercializzati come parti di ricambio in realtà erano 2 camion fatti a pezzi, quindi veri e propri rifiuti, non sottoposti ai trattamenti di messa in sicurezza (asportazione delle parti potenzialmente inquinanti) e di bonifica prescritti dalla normativa vigente.

La legge infatti è chiara in merito alla gestione di veicoli fuori uso, affinché essi non comportino rischi per la salute umana e per l’ambiente.La merce oggetto di esportazione, per un totale di 47.500 kg, è stata sottoposta a sequestro e il proprietario della merce deferito a piede libero per traffico illecito di rifiuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento