Cronaca Picone / Viale Louis Pasteur.

Il quartierino 'dimenticato' dal Comune, i residenti: "Non chiediamo la luna"

Gli abitanti dell'area tra Poggiofranco, Picone e Libertà chiedono interventi da anni. Nel documento comunale spicca solo la nuova accessibilità per il Policlinico: "Il sindaco? Non lo vediamo da ottobre 2014"

"Non chiediamo mica la luna, solo luoghi per rendere più vivibile il quartiere. Siamo stanchi di vedere fumo negli occhi". I residenti del Quartierino non sono soddisfatti dopo l'approvazione del Piano Triennale per le Opere pubbliche 2016-2018, licenziato dal Consiglio comunale. Scorrendo la lista dei progetti finanziati e da realizzare, c'è infatti ben poco riguardante l'area, schiacciata tra i quartieri Poggiofranco, Picone e Libertà, da sempre isolata per quanto riguarda viabilità e servizi. Una delle poche voci a riguardo si riferisce alla rimodulazione dell'accessibilità con riferimento però alla ristrutturazione del Policlinico. Se tutto va bene, tra l'altro, i lavori non termineranno prima del 2017.

Troppo poco, dunque, per gli abitanti, scontenti da anni: "A gennaio - raccontano - abbiamo inviato una richiesta al Comune per intervenire sulla questione del semaforo a chiamata in viale Pasteur, la riqualificazione delle aree verdi e tante altre cose. Non abbiamo ricevuto alcuna risposta. Il sindaco Decaro? L'ultima volta lo abbiamo incontrato a ottobre 2014". Gli abitanti chiedono più attenzioni: "Le periferie - affermano - devono essere trattate come il centro. Vengono sperperati molti soldi per iniziative inutili e non se ne trovano altri per recuperare il nostro quartiere. Ormai ci sono numerosi terreni incolti, con immondizia ed erbacce, anche vicino ad un asilo. Attediamo da anni una vera risoluzione dei problemi di sicurezza e vivibilità quotidiana".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il quartierino 'dimenticato' dal Comune, i residenti: "Non chiediamo la luna"

BariToday è in caricamento