Cronaca

'Questo non è amore', polizia in campo contro la violenza sulle donne

A partire da domani, 'Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne', un camper della polizia, con a bordo operatori specializzati, farà tappa in diverse scuole cittadine per sensibilizzare i più giovani

La Polizia di Stato in prima linea per contrastare il fenomeno della violenza di genere. E' stato presentato questa mattina in Questura il progetto 'Questo non è amore', campagna itinerante che vedrà un camper della polizia fare tappa in diverse scuole della città.

A bordo del camper saranno presenti operatori specializzati in psicologia ed esperti investigatori, pronti a fornire alle vittime del reato, spesso maltrattate tra le mura domestiche, un’idonea assistenza psicologica e pratica.

Lo scopo che la Polizia di Stato si prefigge - è stato spiegato - è quello di illustrare gli strumenti giuridici a disposizione delle vittime, volti a prevenire, prima ancora che a reprimere, il possibile verificarsi di condotte violente connotate dalla peculiare differenza di genere ed instaurare un “primo contatto” con le persone che subiscono abusi e che, spesso, non hanno “la forza” di recarsi presso gli uffici preposti per denunciare i propri carnefici.

La campagna prenderà il via domani, 25 novembre, in concomitanza con la 'Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne': a partire dalle ore 9, il Camper sarà presente presso l’IISS “Gorjoux-Tridente”. Nei giorni a seguire altri tre istituti saranno coinvolti nell’iniziativa: il 29 novembre l’IIS “Savoia-Calamandrei”, il 30 novembre l’IPSS “De Lilla” ed il 1° dicembre l’IIS “Majorana”. L’obiettivo è coinvolgere gli studenti che spesso sono i “primi testimoni” delle violenze che avvengono in ambito familiare e, talvolta, sono anche vittime del reato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Questo non è amore', polizia in campo contro la violenza sulle donne

BariToday è in caricamento