Vendevano 'Lenticchie di Altamura', ma erano prodotte in Cina: 24 denunce tra Puglia e Piemonte

Operazione della Guardia di Finanza di Torino e Bari: 40mila confezioni di legumi, cereali e lenticchie sono state sequestrate nelle due regioni. I prodotti erano importati anche da Canada, Egitto e Argentina

Legumi, lenticchie e cereali spacciati per italiani - che per di più utilizzavano il marchio Igp della 'Lenticchia di Altamura' - ma in realtà proveniente da Cina, Canada, Egitto e Argentina. A scoprire la frode alimentare che collega Puglia e Piemonte sono stati gli agenti della Guardia di Finanza di Torino e di Bari, che hanno già denunciato 24 commercianti e sequestrato i macchinari utilizzati per la lavorazione e l’impacchettamento della merce.

I falsi alimenti made in Italy erano già stati confezionati in grandi quantità: i rivenditori torinesi e pugliesi avevano già 40 mila confezioni pronte per la vendita, ma programmavano di imbustarne altre 150 mila, per una frode che avrebbe fruttato oltre un milione di euro. A Torino una tonnellata di prodotti contraffatti, anche con il marchio 'Lenticchia di Altamura, erano in vendita nelle zone Porta Palazzo, barriera di Milano e San Salvario.

Potrebbe interessarti

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

  • 5 benefici per chi cammina in riva al mare

  • La Tiella di Patate Riso e Cozze

I più letti della settimana

  • Annega in mare a Metaponto, muore mamma 26enne residente nel Barese. Salva la figlia di 6 anni

  • Auto si ribalta all'altezza di una rotatoria, 32enne barese muore in provincia di Milano

  • Scomparso da due giorni a Modugno: 52enne ritrovato senza vita

  • Tentato omicidio Gesuito in zona Cecilia, arrestato il boss Andrea Montani: "Agì per vendicare morte del figlio"

  • Ragazzo di 17 anni trovato morto in casa a Monopoli, decesso per cause naturali. Indaga la Polizia

  • Si staccano pietre da Lama Monachile e finiscono in mare, stop ai bagni accanto alla parete rocciosa

Torna su
BariToday è in caricamento