Tar Puglia, 'effetto-crisi' anche sui ricorsi: - 14% in un anno

I dati resi noti durante l'inaugurazione dell'anno giudiziario 2018: per il presidente, Angelo Scafuri, un calo legato alla crisi congiunturale e ai costi di accesso. Abbattuta la durata dei processi

Ricorsi in calo del 14 % in un anno e durata dei processi "ulteriormente abbattuta", con una capacità di definizione dei ricorsi pervenuti pari al 122%. Sono alcuni dei dati relativi all'attività del Tribunale amministrativo regionale (Tar) della Puglia, resi noti oggi in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario 2018.

Il dato del calo dei ricorsi, in particolare, per il presidente del Tar Puglia, Angelo Scafuri, va correlato anche alla crisi congiunturale e al costo d'accesso, ovvero il contributo unificato, che costituisce "un deterrente". 

"Notevolmente positivo", per il presidente Scafuri, il bilancio dello scorso anno, alla luce di una capacità di definizione dei ricorsi pervenuti pari al 122%", (1.350 nuovi ricorsi e decisi 1.643). Ulteriormente abbattuti i tempi dei processi, con "un tempo medio di circa un anno, un anno e mezzo, per ricorsi ordinari e di tre mesi" per quelli che prevedono binari accelerati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

  • Calano le occupazioni delle terapie intensive covid in Puglia: migliora anche il trend dei contagi sui tamponi eseguiti

Torna su
BariToday è in caricamento