Cronaca

Triggiano, aggressione e minacce in pizzeria: arrestato 35enne

I carabinieri hanno identificato una persona già nota alle Forze dell'Ordine: ricercato un complice 41enne. Avrebbero picchiato un dipendente e il fratello del titolare con il calcio di una pistola

Avrebbero aggredito e intimidito con una pistola il dipendente e il fratello del titolare di una pizzeria di Triggiano, senza esplodere un colpo. L'episodio si è verificato il 29 gennaio scorso, ma ieri sera i carabinieri hanno arrestato un 35enne del posto, già noto alle Forze dell’Ordine, con le accuse di concorso in lesioni personali aggravate, ingiuria, minaccia violenza privata e detenzione e porto abusivo di armi in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Ricercato, invece, un 41enne. Un mese e mezzo fa, i due sarebbero entrati in una pizzeria di via Carpaccio dove, dopo averlo salutato, hanno atteso all'esterno un 22enne addetto alla consegna delle pizze per poi picchiarlo e trascinarlo, colpendolo alla testa con il calcio di una pistola, procurandogli lesioni guaribili, quindi, dopo aver intimato il silenzio ad alcuni avventori di un vicino negozio di telefonia, hanno malmenato anche il fratello del titolare. I malviventi poi li hanno minacciati dicendo loro di mettere una bomba al locale se avessero chiamato le Forze dell'Ordine. Sul posto sono quini intervenuti i Carabinieri che grazie alle immagini di videosorveglianza estrapolate dagli impianti degli esercizi commerciali sono riusciti ad identificare i due.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Triggiano, aggressione e minacce in pizzeria: arrestato 35enne

BariToday è in caricamento