Sabato, 25 Settembre 2021
Economia

Terapia d'urto per salvare la Banca Popolare di Bari, nel piano di rilancio 900 esuberi?

Prevista una ricapitalizzazione da 1.4 miliardi di euro. Nell'operazione, gestita da Fitd e MediocreditoCentrale, dovrebbe essere contenuta anche la cessione di crediti deteriorati per 2 miliardi di euro e un taglio degli sportelli

Un piano da 1.4 miliardi di euro per ricapitalizzare la Banca Popolare di Bari e un'ipotesi di esuberi fino a 900 lavoratori: un percorso quadriennale, nel periodo 2020-2024, che sarebbe contenuto nelle proposte del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi presentate ai commissari straordinari dell'istituto di credito, Ajello e Blandini, per raddrizzare la situazione, attualmente ancor amolto complicata.

Nell'operazione, gestita da Fitd e MediocreditoCentrale, dovrebbe essere contenuta anche, secondo quanto afferma Radiocor, la cessione di crediti deteriorati per 2 miliardi di euro e un taglio degli sportelli. Nei prossimi giorni l'assemblea dei soci della Banca dovrà dare l'assenso alla ricapitalizzazione: il sì consentirà di confermare i 310 milioni di euro versati dal Fitd per riportare i livelli patrimoniali ai minimi di legge.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terapia d'urto per salvare la Banca Popolare di Bari, nel piano di rilancio 900 esuberi?

BariToday è in caricamento