Lunedì, 27 Settembre 2021
Economia

Cassa integrazione in deroga, approvate 33mila domande in Puglia: "Lunedì l'invio all'Inps per il pagamento"

Lo comunicano il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e dall’assessore regionale al Lavoro, alla Formazione e all’Istruzione Sebastiano Leo: "Tra le prima regioni italiane a completarle"

Arrivano a quota 33mila le domande di cassa integrazione in deroga in Puglia. Il dato, calcolato fino al 3 maggio scorso, è stato diffuso dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e dall’assessore regionale al Lavoro, alla Formazione e all’Istruzione Sebastiano Leo, che hanno anche comunicato di aver autorizzato anche l'ultima parte delle richieste arrivate, che non necessitano di integrazioni o verifiche aggiuntive. Entro lunedì, quindi, saranno trasmesse all'Inps per il pagamento.

“Siamo tra le primissime regioni italiane ad aver completato la fase di valutazione e di autorizzazione delle domande di Cassa in Deroga - spiega il governatore - Stiamo parlando di una risposta concreta a migliaia di famiglie, di lavoratrici e lavoratori, per le quali l’ammortizzatore sociale costituisce, in questo momento di crisi, l’unico sostengo al reddito. È stato, e mi preme sottolinearlo, un grande lavoro di squadra: nell’emergenza, parti sociali e Regione Puglia hanno saputo compattarsi, in un contesto di condivisone e discussione propositiva, per tutelare l’interesse dei lavoratori pugliesi".  "Voglio ricordare che si è trattato di valutare circa 36mila domande pervenute da altrettante imprese pugliesi - ha aggiunto Leo - per un numero di lavoratori coinvolti pari ad oltre 125mila unità. Un risultato raggiunto grazie all’impegno della macchina amministrativa, ma merito anche del costante confronto con le organizzazioni sindacali e con i consulenti del lavoro che hanno sempre mantenuto un atteggiamento collaborativo e di apprezzamento del lavoro svolto dalla Regione Puglia".

“La sfida più difficile – commenta l’assessore – è stata quella di confrontarci con una burocrazia e con delle regole nazionali che, in un momento di emergenza, dovevano e devono essere semplificate. Per queste ragioni la Regione Puglia, insieme ad Abruzzo, Lazio, Emilia Romagna, Toscana e Lombardia, farà parte di un gruppo ristretto di lavoro con l’obiettivo di proporre al Governo procedure semplificate per la Cassa Integrazione in Deroga, così da affrontare più celermente la prossima ondata di istanze CIGD che arriveranno, perché non sono accettabili meccanismi così complessi in una fase come questa”.

“Ora – ha concluso Leo – le domande saranno trasmesse ad INPS per la decretazione e il pagamento. L’INPS pugliese registra le migliori performance rispetto agli altri territori e la collaborazione con Regione Puglia è ottima, ma le difficoltà burocratiche riguardano anche e soprattutto loro, già gravati oltreché dalla Cassa in Deroga, anche dalla Cassa Ordinaria, dal FIS e dai Bonus per gli autonomi, per un totale di decine e decine di migliaia di pratiche. Anche per questo, durante la nona Commissione della Conferenza Stato-Regioni di due giorni fa a cui hanno partecipato il Ministro del Lavoro ed il Presidente INPS nazionale, ho chiesto con durezza al Presidente INPS di smetterla con vacui richiami alla collaborazione con le regioni, che già esiste da anni ed è ottima e che sanno di scarica barile, ma di concentrarsi sulla semplificazione e sui pagamenti, specie adesso che alcuni regioni, come la Puglia in primis, hanno terminato il loro compito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassa integrazione in deroga, approvate 33mila domande in Puglia: "Lunedì l'invio all'Inps per il pagamento"

BariToday è in caricamento