menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lnadini durante il suo intervento sul palco della Fiera

Lnadini durante il suo intervento sul palco della Fiera

Congresso Cgil alla Fiera del Levante: Maurizio Landini eletto nuovo segretario generale

Nel discorso programmatico con cui si è presentato all'assemblea, Landini ha tracciato le linee d'azione per il futuro, dalla necessità di "una Cgil unitaria e forte" alla sfida di "aprirci alle nuove generazioni"

Dalla necessità di una "Cgil unita e forte", capace di guardare alle sue differenze interne come un valore, alla sfida di "aprirci alle nuove generazioni", di "allargare la rappresentanza" dei giovani e dei precari. Così Maurizio Landini, nel suo discorso programmatico prima dell'elezione a segretario generale, ha tracciato le linee di azione del sindacato.

In apertura del suo intervento, Landini ha ricordato come "quando Susanna Camusso ha avanzato la proposta per la carica a segretario generale ho sperato con tutto il cuore che fosse condivisa da tutta l'organizzazione". Un elemento, quello dell'unitarietà del sindacato, che Landini rimarca più volte nel suo intervento: "Se qui qualcuno si sente landiniano, colliano, camussiano sappia che sono sintomi di una malattia che va curata subito", scherza il segretario generale in pectore per rimarcare l’unità della Cgil, anche in riferimento alle fibrillazioni che in un primo momento avevano fatto sembrare più lontana la candidatura unitaria. Il congresso, sottolinea, «si è chiuso in modo unitario, non solo qui, ma in tutte le camere del lavoro, le categorie e le regioni". Poi ha annunciato l'intenzione di voler proporre una delibera per la nomina di due vice segretari: Vicenzo Colla e Gianna Fracassi.

Ma Landni ha ricordato anche l'appuntamento con la manifestazione del prossimo 9 febbraio, che vedrà insieme in piazza Cgil, Cisl e Uil. "Dobbiamo cambiare le scelte sbagliate che sta facendo questo governo", "Dobbiamo riempire la piazza, dobbiamo dare voce e parola al lavoro". La manovra, ha sottolineato, "è miope e recessiva, e non assume la stabilità e la qualità del lavoro quale bussola del cambiamento economico e sociale".

I numeri dell'elezione

Landini è stato successivamente eletto con 267 voti favorevoli, pari al 92,7%. Diciotto i voti contrari, quattro gli astenuti e una scheda bianca.
"Tutti insieme abbiamo dato una grande prova di unità e democrazia", ha commentato il neo segretario ringraziando l'assemblea subito dopo l'elezione. Poi ha raggiunto Susanna Camusso in platea, portandola sul palco: a lei ha rivolto un ringraziamento per la "grande lezione" data durante il suo incarico, "nonostante le discussioni non siano mancate". Successivamente Landini ha chiesto l'elezione di membri della nuova segreteria.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento