menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grande distribuzione, lavoratori in sciopero: sit-in di protesta a Santa Caterina e Ikea

"Alta adesione" alla mobilitazione indetta da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil per chiedere la definizione di un contratto collettivo nazionale di lavoro per la Gdo - fermo ormai da due anni - che non penalizzi i lavoratori del settore

Lavoratori in sciopero nei centri commerciali e due sit-in di protesta, uno davanti all'Ipercoop di Santa Caterina e all'Ikea di Mungivacca. La mobilitazione, indetta da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, ha registrato - secondo i dati forniti dai sindacati - un'adesione massiccia, con punte del 90% tra i dipendenti Ikea.

Alla base dello sciopero, il negoziato per la definizione di un contratto collettivo nazionale di lavoro per la Gdo, "che si protrae da ormai due anni - spiega la Filcams Cgil - e che continua a scontare posizioni di assoluta rigidità e un atteggiamento dilatorio da parte di Federdistribuzione". "Dopo il recesso dal contratto del terziario da parte dell’associazione datoriale fuoriuscita da Confcommercio ad inizio del 2012 - spiega il sindacato - le aziende, che ne sono associate, procedono con sempre maggior frequenza alla disdetta della contrattazione integrativa aziendale, determinando, in tal modo, un forte arretramento di diritti e tutele. Federdistribuzione inoltre, nonostante il recente rinnovo contrattuale sottoscritto da Filcams, Fisascat e UilTuCs con Confcommercio lo scorso 30 marzo, ad oggi, continua a dichiarare indisponibilità rispetto all’erogazione degli aumenti previsti, con la conseguenza che l’ultimo incremento salariale corrisposto ai lavoratori risale ad ottobre del 2013". Situazione simile nella Distribuzione Cooperativa, per la quale i sindacati contestano inoltre "la richiesta di un sistema di deroghe al contratto nazionale solo per l’area del meridione". "La richiesta di non applicare i diritti al sud - attacca Barbara Neglia, segretaria generale della Filcams Cgil - ci riporta indietro di quaranta anni, un modello basato sulle cosiddette “gabbie salariali”. Noi non permetteremo che questo accada".

Lo sciopero odierno, annunciano i sindacati, è solo il primo passo di una mobilitazione che vedrà nuove iniziative di protesta nei prossimi giorni.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento